Macron e Le Pen, i due candidati al ballottaggio francese

Le elezioni francesi tenutesi ieri 23 aprile, erano attese con grande ansia, oltre che dai francesi, da tutti i cittadini europei. Il voto espresso dai cittadini d’oltralpe vedrà ora confrontarsi al ballottaggio Emmanuel Macron e Marine Le Pen.

Emanuel Macron, 39 anni, ex ministro dell’Economia, dell’industria e del digitale, ha compiuto metà di un miracolo, diventando con il 24,0% delle preferenze il vincitore di questo primo turno. Partito dal nulla, con poca esperienza politica, ha fondato un partito, En Marche!, appena un anno fa. La sua è una proposta una politica che vuole una Francia aperta, progressista, a favore dell’Europa e della globalizzazione. Nel suo programma c’è anche l’abolizione della tassa sull’abitazione, l’estensione rivolta a tutti dell’indennità di disoccupazione, e il rafforzamento di un asse franco-tedesco volto ad un riequilibrio delle dinamiche europee.

Marine Le Pen è invece più grande di nove anni, è la figlia del fondatore del Front National Jean-Marie Le Pen, anche se negli ultimi anni ha cercato di cambiare l’abito del partito, sostituendo simboli e colori, ed ha preso il 21,3% delle preferenze. impersona l’antitesi di Macron: anti-europeista, ed intollerante nei confronti degli immigrati. Nel suo programma c’è l’uscita dall’Euro e la fine di Schengen, oltre che la chiusura delle moschee radicali e l’espulsioni dei sospetti terroristi. È l’amica del popolo, ed è ai patrioti che si è rivolta, per incoraggiarli  a votare, sostenendo che è lei la vera alternativa.

Nonostante lo storico risultato in cui i partiti tradizionali socialisti e gollisti non approderanno all’Eliseo, i mercati hanno aperto in rialzo questa mattina, apprezzando i risultati del voto.

Altro dato significativo, è stato il voto espresso a Parigi dove, nonostante gli atti terroristici degli ultimi anni, i cittadini non si son fatti abbattere o convincere da politiche populiste, ed hanno votato per il 34,83% Macron, contro il 4,99% Marine Le Pen.

Il prossimo appuntamento sarà domenica 7 maggio, giorno in cui 45,67 milioni di elettori francesi saranno chiamati a scegliere il destino della loro amata terra, ed in parte anche dell’Europa. 

Lascia un commento

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
Rimani in contatto con Argpress.
Iscriviti alla nostra Newsletter