NEWS
Renzi presenta i 'Millegiorni' "non guardo in faccia a nessuno"
I 'millegiorni' di Renzi: "non guardo in faccia a nessuno"
Saldi: "calo delle vendite tra 5 e 8% rispetto al 2013"
Tusk: l'Europa rischia la guerra "Attenzione a un nuovo 1939"
Iraq: dopo Amerli, sottratta a jihadisti un'altra citta' nel nord
Ucraina: Putin all'Ue su nuove sanzioni, "prevalga buon senso"
Inps: verifica redditi e diritto prestazioni, parte la campagna 2014
Governo: oggi alle 14 Renzi presenta i 'Millegiorni'
Mosca: "Nessun intervento armato in Ucraina"
Maro': Mogherini, riportarli in Italia e' priorita' governo

Benigni-Show per la presentazione di 'To Rome With Love'

Roberto benigni alla presentazione del film 'To Roma with love', nelle sale il 20 aprile, non risparmia battute sull'attualità. E 'dedica' i titoli del regista a Berlusconi a partire da 'Il dittatore dello stato libero di Bananas'.

allen-cruz-benigni

Colpito da incredibile evanescente successo: in To Rome with Love Roberto Benigni, al servizio della satira graffiante di Woody Allen è Leopoldo Pisanello, un colletto bianco piccolo borghese come cento mila altri che si ritrova filosofico maitre a penser nei telegiornali, inseguito dai paparazzi, sedotto da donne bellissime, invitato alle prime cinematografiche.
«È il simbolo del famoso quarto d'ora di notorietà, tutti vogliono provarlo e con il tocco di Allen tutto questo accade in un modo favolistico e reale al tempo stesso», dice Benigni, mattatore oggi alla presentazione del film, che stasera all'Auditorium Parco della Musica avrà la premiere mondiale con il cast quasi al completo e poi sarà in sala dal 20 aprile distribuito da Medusa che lo ha coprodotto, in ben 600 copie.
Roberto Benigni scherza, strappando applausi come quando così sintetizza il film: «macchine, donne, fama senza nessun merito. Sembra la storia di Renzo Bossi, ma all'epoca delle riprese non era così, c'era Berlusconi presidente del consiglio, le escort, le feste, pure Bossi in verità e il sole. Oggi invece piove, ci sono gli esodati, è cambiato tutto». «Volevo raccontare di un uomo comune investito dalla fama. Tutti sono curiosi di conoscere le sue opinioni», dice Allen, «se questo è lo spirito dei tempi non so».
Ma Benigni incalza: «in questi anni abbiamo citato spesso i film di Allen, Il dittatore dello stato libero di Bananas. Oggi è fin troppo facile fare la citazione: 'Prendi i soldi e scappa, anzi senza scappa, prendi i soldi e basta. E poi Crimini e misfatti, Criminali da strapazzo...».

Dopo la proiezione in anteprima per giornalisti e critici, avvenuta al Cinema Embassy di Roma, si è svolta all'Hotel Parco dei Principi la conferenza stampa con il cast che, insieme a Benigni e Cruz, comprende stelle del calibro di Alec Baldwin, Judy Davis e Jesse Eisenberg ma anche gli italiani Alessandra Mastronardi e Corrado Fortuna.

Foto Monica Palermo

CLICCA SU UNA FOTO PER VISUALIZZARE LA GALLERIA

  • Roberto Benigni, Woody Allen, Penélope Cruz
  • Autore: Monica Palermo
  • Jesse Eisenberg, Roberto Benigni, Woody Allen, Penélope Cruz
  • Autore: Monica Palermo

benigni
Vota questo articolo
(0 Voti)
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Etiopia, Mozambico, Afghanistan e Cina. Responsabile della digitalizzazione e dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Newsletter

Rimani in contatto con Argpress.
Iscriviti alla nostra Newsletter

Iniziative Editoriali

  • I Papi Santi

  • 1