Nasce nel Sud Italia Lu.Ca., il primo distretto del cinema meridionale

Si chiama “Lu.Ca.” l'intesa tra la Regione Basilicata e la Regione Calabria, presentata lunedì 5 settembre alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia, nata al fine di offrire maggiori strumenti all'industria cinematografica che al Sud sta conoscendo un ottimo momento di crescita.

Il protocollo, illustrato in una conferenza stampa dall'assessore lucano Francesco Pietrantuono e dal presidente della Regione Calabria Mario Oliveiro, vuole rappresentare un'occasione di crescita per l'intero Mezzogiorno e non solo per le due regioni, un esempio di come si possa fare rete lasciando da parte antichi e dannosi localismi e mettendo in comune le buone pratiche amministrative locali.

Lu.Ca. è la prima “macrofilmcommission” per il cinema italiano. L’intento, che punta su un modello di cooperazione istituzionale per il Sud, è che il rilancio di due regioni passi dall’industria cinematografica.

La prima produzione che usufruirà dei fondi previsti da questo accordo è il corto "The Millionairs", che vede l’esordio alla regia di Claudio Santamaria: “Sono felice di girare questo corto di genere in una terra che amo. Lavorerò nel Parco nazionale del Pollino, tra la Calabria e la Basilicata. Una location suggestiva e a cui sono affettivamente legato”. Produttore Gabriele Mainetti, regista del premiatissimo film «Lo chiamavano Jeeg Robot».

Con Lu.Ca. le produzioni avranno a disposizione nuove e maggiori opportunità da sfruttare per poter realizzare le proprie opere audiovisive, nei territori della Basilicata e della Calabria in cui il paesaggio (insieme al patrimonio artistico) è un set naturale incomparabile, come già testimoniato da numerosi lavori realizzati da registi quali Pierpaolo Pasolini, Francesco Rosi, Gabriele Salvatores e Rocco Papaleo.

Lea Ricciardi

Lea si occupa di tutto quello che ruota attorno al mondo della comunicazione da diversi anni.
Appassionata di vini e affini, e' diplomata sommelier AIS.

Lascia un commento

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
Rimani in contatto con Argpress.
Iscriviti alla nostra Newsletter