In distribuzione il numero 40 di “Elementi”, house organ del GSE

Quali sono attualmente i temi più importanti che deve affrontare il settore energetico, europeo e internazionale per soddisfare le esigenze dell’utenza compatibilmente con la salvaguardia dell’ambiente? Nel n. 40 di “Elementi”, diretto da Romolo Paradiso, house organ del gruppo GSE - Gestore dei Servizi Energetici, visibile sul sito www.gse.it, esperti dei vari settori economici indicano i possibili percorsi per raggiungere gli obiettivi perseguiti dai vari Paesi.

 

L’editoriale di Francesco Sperandini, Ad e Presidente del GSE, analizza i risultati del nuovo corso del GSE e ricorda, individuandoli, gli obiettivi della mission aziendale: perseguire la sostenibilità ambientale.

 

Gianluca Galletti, Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, sottolinea l’importanza dell’efficienza energetica e sulla possibilità di migliorarla, anche se qualcosa di positivo, come ad esempio l’ecobonus per l’edilizia, è stato fatto. 

 

Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole e forestali, si sofferma sulle prospettive e  sull’importanza delle bioenergie per l’agricoltura e per le imprese italiane in termini economici e di posti di lavoro, evidenziando che il Governo intende impegnarsi per lo sviluppo degli investimenti in questo settore. 

 

Patricia Espinosa, Segretario esecutivo della Convenzione Quadro Onu per il Clima, sostiene che i meccanismi di mercato sono un elemento chiave dell’accordo di Parigi siglato lo scorso anno, cruciali per limitare l’incremento della temperatura il più vicino possibile a 1,5 C.

 

Giuseppe Pasini, Coordinatore del Gruppo Tecnica Energia di Confindustria, ritiene che, con l’impegno di tutto il Paese, l’Italia può passare dall’attuale 40% di elettricità prodotta con fonti rinnovabili al 70-75% entro il 2050. Il passaggio tecnologico in atto nel comparto energetico può essere gestito con l’utilizzo del metano.

 

Per Hans Bruyninckx, Direttore esecutivo dell’Agenzia ambientale europea, per “un futuro a basso tenore di carbonio” è necessario spezzare il legame tra crescita economica e maggiore consumo di energia, per limitare i danni del mutamento climatico in atto. 

 

Laura Cozzi, Direttore dell’International Energy Agency (IEA), vede l’Italia all’avanguardia sulle rinnovabili non programmabili destinate a diventare una delle principali fonti di energia, sia per la loro penetrazione nel mix di generazione elettrica, superiore alla media europea, sia per la competitività dei prezzi del solare e dell’eolico. 

 

Cesare Puccioni, Presidente di Federchimica, si sofferma sulla scarsa incidenza dell’industria chimica rispetto al totale delle emissioni di gas serra in Italia e sui benefici della cosiddetta chimica “verde” (la chimica da biomasse), eccellenza italiana grazie ad imprese anche di grandi dimensioni impegnate nella ricerca tecnologica.

 

Stefano Besseghini, Ad di RSE, analizza l’importanza della de-carbonizzazione del sistema energetico per la cui realizzazione è urgente una analisi di scenario che permetta di analizzare in modo integratole diverse componenti del sistema. 

 

Roberto Chieppa, Segretario Generale dell’Antitrust, si sofferma sull’influenza delle fonti rinnovabili nella  concorrenza nel mercato elettrico, del gas e del settore carburanti.

 

Giuseppe Gatti, Presidente di Energia Concorrente, pensa che, al mercato elettrico serva “una scossa” per completarne la liberalizzazione attraverso il superamento della tutela e una più netta distinzione tra attività regolate e attività di mercato.

 

Romolo Paradiso, nella rubrica “Virgolette”, pone l’accento sulla necessità di realizzare  un’economia al servizio dell’ambiente.

 

Simone Togni, Presidente di ANEV, evidenzia la centralità della politica energetica nazionale per un miglior sviluppo delle fonti rinnovabili.

 

Giuseppe Onufrio, Direttore di Greenpeace, interviene sull’importanza di tenere i cittadini al centro della rivoluzione energetica che vede nelle rinnovabili l’elemento di crescita.

 

Marco Margheri, Presidente di Wec Italia, definisce quanto è necessario per realizzare  politiche energia armoniche, competitività e sostenibilità.

 

Bruno Tani, Presidente Anigas, spiega le politiche sostenibili per il rilancio del gas, unica fonte fossile a basso impatto ambientale.

 

Edoardo Borriello analizza il contributo del legno, ultima frontiera della grande edilizia a basso impatto ambientale, nella costruzione di grattacieli ecologici e sicuri. 

 

Completano il n. 40 di “Elementi” lo Speciale sul “Contratto Unico”, progetto di reingegnerizzazione, innovazione e miglioramento dei processi interni per consentire al GSE di divenire un esempio di riferimento nell’ambito della Pubblica Amministrazione e le rubriche “Elementi Normativi”, con i più importanti provvedimenti in materia energetica; “Il Punto” di Jacopo Giliberto, sull’importanza, a livello europeo, di continuare a investire sulle rinnovabili; “Energia del pensiero”, intervista di Romolo Paradiso al psichiatra e scrittore Vittorino Andreaoli per il quale è necessario “ripartire dalla gioia”; “Energia, letteratura, umanità” di Mauro De Vincentiis e “la copertina” di Vittorio Esposito dedicata all’opera del sacerdote e artista brasiliano Sidival Fila.

Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Lascia un commento

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
Rimani in contatto con Argpress.
Iscriviti alla nostra Newsletter