“Totò nell’obiettivo di Carlo Riccardi" a Castellaneta

Roberto Ippolito, Giovanni Currado e Maurizio Riccardi Roberto Ippolito, Giovanni Currado e Maurizio Riccardi foto Agrpress
Una mostra fotografica ed un libro dedicati a Totò. È la speciale anteprima di “Pagine in cammino” concepita dal direttore editoriale Roberto Ippolito.

La rassegna di libri di saggistica di Castellaneta (TA) sabato 12 agosto 2017 proporrà un’anticipazione molto particolare: alle 20.30 verrà inaugurata la mostra fotografica Totò nell'obiettivo di Carlo Riccardi e verrà presentato il libro omonimo pubblicato da Agr, entrambi a cura di Maurizio Riccardi e Giovanni Currado. L’evento si svolgerà nella tradizionale sede del museo Valentino all’interno dell’ex monastero di Santa Chiara - via Vittorio Emanuele 117/119 – a Castellaneta.

La settima edizione di “Pagine in cammino” è in programma da lunedì 2 a giovedì 5 ottobre 2017 con la partecipazione di Vincenzo Calia e Sabrina Pisu (Il caso Mattei - Chiarelettere, Milano), Raffaele Guariniello (La giustizia non è un sogno - Rizzoli, Milano), Sabrina Carreras (Fozza Cina - Baldini&Castoldi, Milano), Luca Steffenoni (Il caso Pantani. Doveva morire -  Chiarelettere, Milano) e Antonio Caprarica (L’ultima estate di Diana - Sperling & Kupfer, Milano). Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso libero. La mostra è rimarrà aperta fino a giovedì 5 ottobre, dalle 17 alle 20 (tutti i giorni eccezion fatta per il lunedì).

L’evento è organizzato dal Club Runner '87, che vuole offrire un contributo all’approfondimento e al confronto culturale, allargando l’attività associativa senza finanziamento pubblico. Con il patrocinio dell’Assessorato comunale alla Cultura, l’iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Valentino, dall’Unicomart e dalla Consulta delle Associazioni.

L’anteprima - così come gli incontri previsti per ottobre -  verrà condotta dallo stesso Roberto Ippolito. Le immagini del grande fotografo Carlo Riccardi (n. 1926), il paparazzo per eccellenza, faranno rivivere a Castellaneta il "principe dell risata" nel cinquantenario della sua scomparsa, avvenuta il 15 aprile 1967. E raccontano una storia inedita, a cominciare da una singolare fotografia in cui è Totò ad inquadrare il fotografo che l’ha appena fotografato (naturalmente, Carlo Riccardi)  ed a scattare. Il capovolgimento dei ruoli è rivelatore dell’ottimo rapporto di amicizia instauratosi fra loro nella Roma di fine anni Cinquanta.

La mostra, formata da trenta fotografie di Carlo Riccardi degli anni Cinquanta e Sessanta e provenienti dall’immenso Archivio Fotografico Riccardi, immortala l’indimenticabile - e indimenticato - Principe de Curtis in differenti momenti della sua vita: nel suo appartamento ai Parioli, in giro per Roma con Franca Faldini, o ai Nastri d’Argento con Anna Magnani.

L’attore appare sul set impegnato a girare Il monaco di Monza (Sergio Corbucci, 1963), in cui lavora con Nino Taranto, Erminio Macario e con i giovani Adriano Celentano e Don Backy, ma viene ritratto anche quando, smesso il costume di scena, veste i panni del privato cittadino intento a leggere il giornale o a consultare la schedina dell'Enalotto conservando sempre uno stile “principesco”. Lo troviamo anche allo zoo fra bambini e animali.

Il libro Totò nell'obiettivo di Carlo Riccardi, curato, oltre che dagli stessi Maurizio Riccardi e Giovanni Currado, anche da Alessandro Poggiani, ha la prefazione firmata da Orio Caldiron, uno fra i maggiori storici del cinema italiano ed autore di numerosi libri (ricordiamo Totò - Gremese, Roma 2001 -, Il principe Totò - Gremese, Roma 2002 -, Totò e la gaia scienza - Cinemasud, Avellino 2017 -, curato insieme a Paolo Speranza e pubblicato in occasione del cinquantenario della scomparsa del grande artista napoletano), saggi, articoli ed interventi su Totò, ed offre anche i ricordi di chi ha conosciuto un personaggio unico e/o ha lavorato con lui.

Alle precedenti edizioni di “Pagine in cammino” hanno partecipato Lirio Abbate, Oliviero Beha, Dario Bressanini, Antonio Calabrò, Roberta Carlini, Giancarlo Caselli, Innocenzo Cipolletta, Alessia Cruciani, Giovanni Currado, Domenico De Masi, Raffaella De Santis, Gianni Dragoni, Domenico Fisichella, Vincenzo Imperatore, Michele Mirabella, Eugenio Occorsio, Nicole Orlando, Lino Patruno, Maurizio Riccardi, Sergio Rizzo, Elio Veltri, Pierluigi Vigna, Francesco Viviano.

Due le mostre curate in precedenza da Maurizio Riccardi e Giovanni Currado: I Papi Santi e Sophia Loren... se mi dice bene.

Roberto Ippolito (1951), scrittore e giornalista, è autore di Ignoranti (2013), Abusivi (2014) ed Eurosprechi (2016), tutti e tre pubblicati da Chiarelettere (Milano), e di  Evasori (2008) e Il Bel Paese maltrattato (2010), pubblicati da Bompiani (Milano). Ha curato l’economia per “La Stampa”. Ha ideato e diretto numerosi eventi culturali (“Voluminosi”, “Libri al centro”, “conPasolini”, “Tour del brutto dell’Appia Antica”), ed è stato editor del Festival dell’Economia di Trento, direttore comunicazione Confindustria e docente alla Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss.

Maurizio Riccardi (1960), fotografo e giornalista, dirige l’Agenzia di documentazione fotografica Agr e l’Archivio Riccardi. Fra le sue mostre Vita da Strega, formata da 50 scatti di Carlo Riccardi degli ann fra il 1957 ed il 1971, in quindici differenti edizioni del Premio Strega, I papi santi, I tanti Pasolini, formata da 26 scatti di Carlo Riccardi degli anni compresi fra il 1960 ed il 1969, Donne & Lavoro. Ha pubblicato numerosi libri tra cui San Giovanni Paolo II. Il Papa venuto da lontano (Armando, 2014), e, con Giovanni Currado, I tanti Pasolini (Armando, 2015) e Gli anni d’oro del Premio Strega - Racconto fotografico di Carlo Riccardi (Ponte Sisto, 2016), Il popolo della Repubblica (Agr, 2017).

Giovanni Currado (1980), giornalista e fotografo, è responsabile editoriale dell’Archivio Fotografico Riccardi e direttore editoriale della collana “I fotografici” della casa editrice Armando. Ha pubblicato, insieme a Maurizio Riccardi, I tanti Pasolini (Armando, 2015), Gli anni d’oro del Premio Strega - Racconto fotografico di Carlo Riccardi, (Ponte Sisto, 2016), Il popolo della Repubblica (Agr, 2017).

Lascia un commento

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
Rimani in contatto con Argpress.
Iscriviti alla nostra Newsletter