Sputnik 1, 59 anni fa, lo start alla corsa allo spazio

Fu l'evento che catapultò l'intero pianeta nell' era tecnologica. Un lancio inaspettato e clamoroso, temuto e applaudito. Mezzo secolo fa, il 4 ottobre 1957, l'Unione Sovietica inviò nello spazio il primo satellite artificiale della storia, lo Sputnik I.

Tutto il mondo alzò lo sguardo verso quel puntino luminoso nel cielo, mentre gli Stati Uniti si affrettavano a recuperare il terreno perduto istituendo la Nasa. Prendeva il via così la corsa per la conquista dello spazio.Fu lo Sputnik a dare il via alla corsa alla conquista dello spazio che per l'America significava soprattutto la riconquista della superiorità politico-militare perduta, ma che avrà comunque come ricaduta fondamentale uno straordinario impulso allo sviluppo scientifico-tecnologico mondiale. «Senza lo Sputnik non ci sarebbe stata la conquista della Luna» affermò John Logsdon, direttore dell' Institute of Space Policy alla George Washington University. E forse non ci sarebbero stati nel giro di pochi decenni nemmeno Internet, i Gps o quant’altro. Ormai ,lo spazio, i lanci delle navicelle e le nuove tecnologie usate in questi campi, non destano stupore come accadeva pochi decenni fa. Tuttavia aziende come la Space X, Nasa ed Esa, stanno lavorando duramente e ci regalano straordinarie immagini di mondi lontani, come la sonda Rosetta sulla cometa 67/p e Plutone dalla sonda New Horizons.

 

 

Lascia un commento

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
Rimani in contatto con Argpress.
Iscriviti alla nostra Newsletter