Brigitte Bardot, cittadinanza russa per salvare due elefanti

Brigitte Bardot torna a far parlare di sé: l'attrice celebre in tutto il mondo la sua campagna contro le pellicce, ora ritorna a farsi sentire prepotentemente per un’altra questione: l’eutanasia per gli animali.    

 Brigitte-Bardot-archivioriccardi

 

Brigitte Bardot torna a far parlare di sé: l'attrice celebre in tutto il mondo la sua campagna contro le pellicce, ora ritorna a farsi sentire prepotentemente per un’altra questione: l’eutanasia per gli animali. L’attrice francese ha fondato un’associazione per difendere i diritti degli animali, ed ora è impegnata nella battaglia per salvare due elefanti del circo.

Riassumendo in poche righe, tutto è cominciato il mese scorso quando si è scoperto che in un circo di Lione uno degli elefanti era malato di tubercolosi. Lui nel frattempo è morto, ma si è scoperto che altri due elefanti erano stati contagiati. Questa malattia poteva essere contagiosa per l’uomo, e per questo il tribunale di Rhone ha deciso l’abbattimento dei due pachidermi. Immediatamente c’è stata una levata di scudi in difesa degli animali, in sostanza si sostiene che se l’eutanasia non è concepita per l’uomo, non dev’esserlo nemmeno per gli animali.
E così ecco la proposta choc: la Bardot ha minacciato di espatriare in Russia. La tempistica non è casuale, proprio pochi giorni fa il suo collega Gerard Depardieu ha chiesto ed ottenuto la cittadinanza russa per evitare di pagare il 75% di tasse che il Primo Ministro Hollande aveva imposto ai super-ricchi. Questa volta, almeno apparentemente, i soldi non c’entrano, ma a spingere verso questa decisione BB è solo l’amore per gli animali.

Foto Archivio Riccardi ©

Per vedere immagini di Brigitte Bardot in Italia nel 1963 CLICCA QUI

Pubblicato in Ambiente

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI