Le “notturne” del giardino zoologico di Parigi: un’esperienza da vivere anche a piedi nudi

Le “notturne” del giardino zoologico di Parigi: un’esperienza da vivere anche a piedi nudi
Disconnettersi dalla quotidianità, ricercare un po’ l’animale che è in noi semplicemente trascorrendo qualche ora nel tepore della luce rosadorata di un tramonto parigino.

Dopo il successo della prima edizione, il giardino zoologico di Parigi, situato nel bosco di Vincennes, apre le sue porte anche di sera per l’estate 2017. Tutti i giovedi, di giugno e di luglio, si potrà visitare fino alle 22:30 questo magnifico parco che propone agli ospiti un’esperienza unica: osservare, al calare del sole, ciò che gli animali nascondono allo sguardo dell’uomo durante il giorno.

Approffitando delle ore meno calde, si potrà passaggiare nei ben 14,5 ettari del parco, fare un pic nic in famiglia o con gli amici in una cornice particolare, o cenare in uno dei due ristoranti dello zoo. Comunque sia, vivere questo spazio in modo diverso, a fine giornata, per godere pienamente ogni attimo di un vero momento di relax, o gustarsi un rinfrascante "after work".

Anche i più piccoli potranno approfittare del fascino e del mistero degli animali grazie ad alcune animazioni serali, come l’allenamento medicale delle otarie, o la “presentazione” dei leoni. E ancora diverse animazioni per rendere la visita un’esperienza ludicoeducativa: quiz e blind-test che metterenno alla prova la conoscenza del mondo animale.

A forte vocazione pedagogica, questo parco zoologico è stato ideato - a cura del Museo nazionale di Storia naturale - con l’obiettivo di offrire al visitatore un’area in cui gli animali possano essere osservati all’interno di un bio-ambiente che riproduca l’ecosistema d’origine, nel pieno rispetto dell’animale.

Importante specificare che gli animali ospitati nel parco zoologico di Parigi sono quasi tutti nati in cattività e fanno, in alcuni casi, parte di specie in via d’estinzione che il Museo cerca di salvare e talvolta di reintrodurre nell’ecosistema di origine.

Suddiviso in cinque biosfere e sedici habitat naturali, lo zoo permette ai visitatori d’immergersi nel vero mondo degli animali. Riaperto nel 2014, dopo circa sei anni di lavori, l’obiettivo principale è stato quello di ricostruire e ricreare l’ambiente naturale delle varie specie animali.

Animali che come accadrebbe nei loro spazi naturali, non si concedono sempre all’occhio umano. Nel parco ci sono oltre 180 specie, tra uccelli, mammiferi, serpenti...per un totale di mille esemplari.

Per il lancio delle sue "notturne" lo zoo si è associato a Time Out, leader nell’organizzazione d’eventi, per una prima Silent disco a Parigi. Una serata unica in un quadro atipico in cui, con la cuffia sulle orecchie, il pubblico ha potuto visitare lo zoo ascoltando la musica proposta da cinque dj londinesi presenti per l’occasione. Per celebrare quest’evento, una degustazione di cocktail è stata offerta alle 100 prime persone che hanno acquistato il biglietto online.

Un vero invito al parco con entrata gratuita a partire dalle 21:30. Il percorso notturno da realizzare in un’ora. E fino all’1:00 di notte è possibile sorseggiare un bicchiere al Siam, uno dei due ristoranti del parco.

Questa seconda edizione delle notturne al parco zoologico di Parigi propone un’ulteriore novità ai suoi visitatori. Un percorso biodiversità da vivere per divertirsi e apprendere: 12 dispositivi fra cui un percorso piedi nudi di 225 metri per una scoperta sensoriale e ricreativa, facilmente praticabile anche dai meno agili. L’occasione per riprendere contatto con la natura in modo originale, camminare sui diversi tipi di terreni su cui si muovono gli animali presenti nel parco, condividere quest’esperienza per meglio conoscere i molteplici habitat. E, perché no, per tornare anche un po’ bambini camminando su tronchi d’albero, aghi di pino e fango. Nessun problema, alla fine del percorso alcune fontanelle e panchine permettono di ritornare alla “normalità”, ma chi vorrà potrà approfittare ancora del piacere di toccare direttamente il suolo senza scarpe correndo sul grande prato accanto al circuito.

Più d’informazioni : parczoologiquedeparis.fr

Pubblicato in Ambiente
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI