“Requiem per un ghiacciaio”. Legambiente in lotta per i ghiacciai alpini

Il ghiacciaio del Lys, sul Monte Rosa, come appare oggi Il ghiacciaio del Lys, sul Monte Rosa, come appare oggi
“Requiem per un ghiacciaio”: si è svolta venerdì 27 settembre 2019 e proseguirà sabato 28 e domenica 29 l’iniziativa di Legambiente per i ghiacciai alpini che stanno scomparendo, ispirata al funerale per il ghiacciaio scomparso in Islanda.

In occasione dello sciopero globale per il clima indetto dai Fridays For Future, che ha visto scendere in piazza migliaia di persone in tutte le città, Legambiente contribuisce a lanciare l’allarme sulla salute dei ghiacciai che mostrano, assieme a tutto l’ecosistema alpino, i drammatici segni dei cambiamenti climatici in corso, dando il via ad un evento che porta simbolicamente ad organizzare delle “veglie” per i ghiacciai alpini maggiormente a rischio nei giorni 27, 28 e 29 settembre.   

Il primo fra i sette “requiem” si è tenuto per il Ghiacciaio del Lys (in Valle d’Aosta, sul massiccio del Monte Rosa): partendo da Staffal -  nella valle di Gressoney, poco sopra Gressoney La Trinité -  un centinaio di persone sono salite fino alle sorgenti del Lys (il torrente che nasce dal  ghiacciaio omonimo, scende lungo l’intera valle di Gressoney e sfocia nella Dora Baltea - uno fra i maggiori affluenti di sinistra del Po -  a Pont Saint Martin), ai piedi del ghiacciaio che, nel corso degli ultimi  trent’anni, è arretrato di circa cinquecento metri.

L’iniziativa è stata presentata da Vanda Bonardo (responsabile nazionale Alpi di Legambiente), con la partecipazione, per l’approfondimento scientifico, di Michele Freppaz (docente all’Università di Torino) e di Michel Isabellon (Arpa Aosta).

Ad accompagnare la veglia la “musica per il ghiacciaio” del suonatore di corno delle Alpi Martin Mayes ed i “racconti sul ghiacciaio” di Davide Camisasca, noto fotografo e guida alpina, il quale ha anche le effettuato le riprese. A conclusione della giornata una discussione collettiva sulle azioni personali per provare a mitigare i cambiamenti climatici.

Hanno preso parte all’evento Legambiente Dora Baltea, Legambiente Valle d’Aosta, Comitato di Cortilys, progetto VISPO, giovani e amanti della montagna.

La stessa iniziativa è prevista, fino a domenica 29 settembre, per i ghiacciai del Monviso (Piemonte), del Montasio (Friuli-Venezia Giulia), dello Stelvio (Provincia di Bolzano), della Marmolada (Provincia di Trento),

Ispirati al funerale per il ghiacciaio islandese Okjokull - passato in poco più di un secolo da una superfice di sedici chilometri quadrati ed uno spessore di cinquanta metri ad una superfice di un km quadrato e quindici metri di spessore -, e pochi giorni dopo quella per il Pizol - in Svizzera - i “Requiem per un ghiacciaio”, hanno preso il via venerdì 27 settembre, in occasione dello sciopero globale per il clima dei Fridays For Future.

All’iniziativa, organizzata in collaborazione con le associazioni Dislivellie CinemAmbiente, aderiscono inoltre: Comitato di Cortilys, Dachverband für Natur- und Umweltschutz, La via di Malles, Libera Belluno, Mountain Wilderness, Italia Nostra - sezione di Belluno, Peraltrestrade, Vispo, Wwf Alto Adige.

Se le temperature si manterranno nella media degli ultimi anni, i ghiacciai sotto i 3.500 metri potrebbero sparire entro il 2050, ovvero in soli trent’anni. Sulle Alpi Orientali e Centrali potrebbero ridursi drasticamente o scomparire del tutto; sulle Alpi Occidentali, secondo il dossier del WwfItalia sulla crisi climatica nel Mediterraneo, ne rimarrebbe una parte di alcuni. La superfice dei ghiacciai in Italia è passata dagli oltre seicento chilometri quadrati del 1989 a meno di quattrocento attuali, circa il quaranta per cento in meno. I ghiacciai continuano a ridursi drammaticamente sia in lunghezza sia in spessore.  

 

Pubblicato in Ambiente

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI