31 artisti interpretano “L’attimo fuggente”

Mario Moretti: “Icaria: orizzonte ampio”, 2014, olio su legno cm. 61,5x70,5 Mario Moretti: “Icaria: orizzonte ampio”, 2014, olio su legno cm. 61,5x70,5
La “Corsia delle donne”, del Complesso monumentale “San Giovanni Addolorata” di Roma (Piazza S. Giovanni in Laterano, 74), dopo lunghi lavori di aggiornamento della struttura, è ora uno degli spazi espositivi più rappresentativi della Capitale per l’allestimento di mostre, convegni, congressi e conferenze.

In questa “nuova” prestigiosa location, sabato 8 novembre alle ore 17 sarà inaugurata, con l’intervento di Claudio Strinati, Carla Mazzoni Gastone Indoni e Francesco Giulio Farachi, la mostra “L’attimo fuggente” che si propone di “indagare sul variegato modo d’intendere, oggi, il tempo fugace dell’attimo presente” attraverso le opere di ventiquattro artisti contemporanei (E. Calabria, M. Moretti, F. Ferrari, M. Pizzorno, S. Bini, A. Anastasia, A. Addamiano, S. Barbagallo, G. Bianchi, E. Bolaffio, F. Calabrese, V. Capoccia, A. Cipolletti, M. De Simone, M. Falbo, F. Feliciotti, I. Monari, M. Orsolini, A Palma, U. Saad, A. Salvati, A. Santoro, A. Scalas e S. Usala) alle quali sono state affiancate quelle di sette giovani artisti emergenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma (sei pittori: G. Aronni, M. Eusepi, L. Gramaccia, D. Nocella, L. Romani, G. Sità e la scultrice E. Capoccia).

Le opere in esposizione, come esplicitato nei testi di Vittorio Esposito, Francesco Giulio Farachi, Gastone Indoni, Carla Mazzoni e RobertoMaria Siena pubblicati in catalogo (Edizioni “Urbis et Artis”) rivelano “come ‘nel mondo delle mille realtà’ per alcuni artisti ‘l’attimo’ rappresenta il momento in cui, dando concretezza all’ispirazione il pensiero si salda alla vita, per altri l’accelerazione del tempo presente rende difficile ogni duratura creazione artistica, per cui l’artista, non l’attimo conta, bensì il suo contrario: la lunga meditazione e l’apertura sullo spazio dilatato e sottile dell’interiorità. Infine per altri cavalcare l’onda del tempo che fugge è l’unica scelta valida per essere competitivi in una società distratta e sempre in corsa”.

L’esposizione, allestita a cura di Carla Mazzoni e Gastone Indoni, resterà aperta tutti i giorni fino al prossimo 22 novembre con orario continuato (ingresso libero).  

Pubblicato in Arte
Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Fotonews

Conferenza Stampa Festa della Musica

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI