American dream e malinconia: Edward Hopper

Hopper araldo dell'arte americana? Questo il titolo della mostra che presso il Grand  Palais a Parigi dal 10 ottobre 2012 sino al 28 gennaio 2013 racconterà l'epopea dell'american way of life raccontato dai pennelli spigolosi ed eleganti dell'artista statunitense. 

Hopper-nighthawks

Dal 10 ottobre 2012 sino al 28 gennaio 2013 a Parigi, presso il Grand Palais, é in programma la mostra Hopper, un héraut de l’art américain (Hopper araldo dell'arte americana)? Le opere esposte sono ben 55 su un totale di 100 dipinti che Hopper realizzò durante la sua carriera: un'esposizione ricca che valorizza a fondo l'artista statunitense. Edward Hopper può essere considerato infatti, come l'interprete di quel mito sgualcito e allo stesso tempo romantico, che è l'american dream. Artista che abbracccia un modo di narrare che accoglie ed assimila un'ottica cinematografica e uno studio registico nella realizzazione dei soggetti. Le opere di Hopper descrivono una società di massa che sempre più rende gli individui soli, intrappolati in un micro cosmo solipsisitico: dalla vista di una coppia in una casa medio borghese nella quale l'uomo legge il giornale e la donna sintonizza la radio, all'atmosfera malinconica di un locale notturno al cui bancone una manciata di clienti consumano i propri drink nel fondo della notte. L'estetica di Hopper racconta l'insorgere di quelle solitudini metropolitane profonde ed inespresse, divenute il tradizionale topos dei noir anni '30-40; delineando un universo cristallizzato in delle istantanee che immortalano l'american way of life senza sottrargli alcun ché ed evitando qualsiasi artificiosità. Netto, minuzioso e realista Hopper traduce elegantemente una contemporaneità agli albori e forse non ancora del tutto al proprio apice che si rivela serena alla luce slapita delle lampade degli appartamenti newyorkesi. Ma la pittura di Hopper è anche nostalgia di un'America rurale, genuina e vitale che si contrappone a quella frenetica e alienante descritta nei dipinti metropolitani. Questa esposizione a Parigi, al Grand Palais traccia l'evoluzione poetica e artistica di Edward Hopper mostrando 55 dei 100 quadri dipinti dall'artista tra il 1924 e il 1966.

Pubblicato in Arte

Fotonews

Premio Guido Carli 2021

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI