Annamaria Strumendo: un’artista tra tradizione e sperimentazione

Annamaria Strumendo: un’artista tra tradizione e sperimentazione
Nell’ambito dei “mercoledì culturali” organizzati dalla Sezione di Roma Capitale “2° Cengio” dell’Associazione Nazionale Granatieri di Sardegna, il 24 settembre si è svolto, nella Sala Conferenze di Via Sforza, 8 a Roma, un incontro con l’artista Annamaria Strumendo (scultrice, pittrice e grafica) che ha “spiegato” il suo modo di operare e le tecniche utilizzate.

L’incontro, moderato dal Gen. Nicola Canarile, Presidente onorario della Sezione, organizzato per “celebrare” i 60 anni di attività artistica della Strumendo, ha avuto un particolare momento di commozione quando è stata illustrato l’ultimo, in ordine di tempo, dipinto realizzato dall’artista per commemorare il centenario dell’inizio della Grande Guerra: “Salto del Granatiere” (acrilico su tela cm. 70x70).

L’opera ricorda la difesa del Monte Cengio, uno dei tanti episodi di eroismo compiuti dai Granatieri di Sardegna. Il 3 giugno 1916, sull’altopiano di Asiago, l’esercito austriaco lanciò una imponente offensiva contro le posizioni difese dai Granatieri comandati dal Capitano Federico Morozzo della Rocca. I Granatieri, rimasti senza munizioni, ingaggiarono un furioso corpo a corpo con i loro assalitori lanciandosi, in un volo suicida, nel vuoto trascinando, ognuno di loro,  due nemici ai quali si erano avvinghiati. Da allora il baratro del Monte Cengio ha preso il nome di “Salto del Granatiere”.

L’opera di Annamaria Strumendo ricorda il glorioso evento attraverso una figurazione che trova la sua chiave espressiva nei toni cromatici (l’azzurro del cielo è squarciato dai rossi bagliori delle esplosioni) e nel segno preciso che definisce le immagini in modo esplicito ma senza retorica.

Attraverso un  linguaggio figurativo attento all’immediatezza dell’impressione, Annamaria Strumendo rende vivi i soggetti scelti per sviluppare le tematiche sociali che hanno dato vita, nel tempo, ai cicli del lavoro minorile, delle carceri, delle “favole” che affascinano il mondo infantile, della “donna”.

Nella sua lunga carriera artistica ha sperimentato con successo la scultura, utilizzando materiali diversi (dalla pietra alla terracotta patinata e refrattaria), la pittura, con preferenza dell’acrilico, e le tecniche incisorie (xilografia, acquaforte, serigrafia). Le sue opere sono state acquisite in collezioni private e pubbliche tra le quali anche quella dei Granatieri di Sardegna per i quali ha realizzato la pala d’altare “La Pietà” (dedicata ai Granatieri Caduti) per la Cappella della Caserma “Albanese Ruffo” di Roma.

Al termine dell’incontro, al quale sono intervenuti l’Avvocato Arsenio Rossoni, Vice Presidente della Sezione “2° Cengio”, il Gen. Mario Davide e il Gen. Saverio Cascone, è stato donato all’artista un foulard con lo stemma araldico dei Granatieri di Sardegna, corpo di fanteria dell’Esercito Italiano discendente dall’antico Reggimento delle Guardie creato dal Duca Carlo Emanuele II di Savoia nel 1659 (nella foto: “La Pietà”, 1992, acrilico su tela  cm. 210x200). 

Pubblicato in Arte
Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Fotonews

Conferenza Stampa Festa della Musica

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI