Arte di Strada, ma non solo: Bastien Cuenot allo spazio Richelieu

Arte di Strada, ma non solo: Bastien Cuenot allo spazio Richelieu
La settimana della moda a Parigi è sempre puntellata di eventi che hanno luogo in locations dislocate in vari arrondissement: tra i tanti appuntamenti ha ottenuto un particolare risalto quello che si è svolto all'interno dello spazio Richelieu.

La PLC Consulting (Parigi), nel cuore del primo arrondissement parigino alla rue de Richelieu, dal 21 al 26 gennaio 2016, allestendo lo showroom con un insolito connubio tra arte e moda, ha invitato a scoprire le nuove collezioni della stagione autunno/inverno 2016-17. In esposizione le ultime creazioni disegnate da emergenti designers internazionali: tra queste in evidenza quelle presentate dalla griffe italiana Vittorio d'Ottavio (specializzata nella realizzazione di borse e accessori) che ha sorpreso per novità e duttilità, offrendo una gamme di accessori caratterizzati da un inconfondibile stile italiano, dal design raffinato che affianca al marchio dall'alta qualità del Made in Italy l'unicità del pregio e del lusso.

Ospite speciale Bastien Cuenot (artista visuale), chiamato a interpretare i ritratti degli otto fashion designers presenti. Il giovane artista francese crea opere plasmando diverse materie, e al centro del suo processo creativo è proprio la scelta della materia: le idee che la materia evoca, sia allo stato bruto che al confezionato, permettono già l'elaborazione dell'opera finale, tanto nella forma che essa prenderà quanto nella tecnica da utilizzarsi per il raggiungimento di questo obiettivo. Le ispirazioni intellettuali di Bastien Cuenot pervengono da temi sociali preferiti che rimangono nel tempo gli stessi. Egli indaga le corrispondenze tra la farsa dell'apparenza nell'universo ludico dell'infanzia e lo sviluppo della società moderna, criticandone gli aspetti violenti. Dalla sofferenza che il dolore provoca interpreta le relazioni tra la 'morte' -anche intellettuale- e l'arte.  Molti, quindi, gli aspetti affrontati nello svolgersi del suo lavoro, ma uno dei temi al cuore della sua ricerca artistica è GAFA, acronimo con cui gli esperti di economia definiscono il potente gruppo tra i più influenti del mondo: Google, Apple, Facebook, Amazon. Infatti, il forte potere esercitato dai quattro maggiori attori che si esibiscono quotidianamente sul palcoscenico delle telecomunicazioni, è in grado di modificare modi e costumi della società attuale. Non solo, la forte influenza che esercita su ogni singolo cervello è capace di decretare quale sia il futuro dell'umanità attraverso la manipolazione mediatica, grazie ad una vasta rete di connessioni globali. Fin dalla sua comparsa negli anni 90, internet ha rivoluzionato il mondo della comunicazione imponendosi come il più importante mezzo di connessione globale. L'artista navigando su Facebbok ha studiato i vari comportamenti umani determinati dai meccanismi di notifica del social network, comprendendo come questi rendano l'utente dipendente, che resta assoggettato nell'attesa di veder visualizzare sulla propria pagina i messaggi di notifica, traducendo ogni loro comparsa come conferma dell'essere stato notato, quindi di esistere: ...notificano? dunque 'io sono'. Questa esperienza apparentemente ludica nasconde le insidie che minacciano la libertà del pensiero umano, pertanto, molti dei ritratti che vengono posti al centro del suo lavoro raffigurano i Leader mondiali, spesso attori di grandi scenari di guerra. Ma non solo: sono interpretati anche i grandi filosofi o scienziati che elaborando teorie umanistiche o scientifiche abbiano condizionato, nel bene o nel male, l'evolversi del mondo, così come i volti della gente normale, rappresentata nello svolgersi della vita quotidiana ma caricata di significati sottointesi, come ad esempio quelli correlati alle donne avvolte da lunghi e scuri veli integrali. I ritratti di Bastien vengono quindi 'notificati' con un simbolo specifico e personale, scelto secondo il potere esercitato dal personaggio rappresentato (veleno, scossa elettrica, eccetera). Riservando attenzione anche alle tendenze di 'moda', e studiandone l'ascendente che essa cagiona, specialmente nei più giovani, l'artista ha qui interpretato i ritratti dei creativi accostandoli al fenomeno Facebook: al centro del suo progetto è Richelieu -rappresentante di un determinato antico feroce potere francese- circondato dai volti di emergenti internazionali, notificati per il cervello creativo, azione che in questo contesto, a invertire il senso negativo, esprime la capacità del pensiero 'incondizionato', libero di affiancare alla propria vita arte e bellezza.

Bastien  (Vélizy-Villacoublay 1987) ha raggiunto una certa notorietà tra gli artisti di strada francesi quando, nel 2015 ha iniziato ad affiggere per le strade di Parigi le sue opere su carta. I suoi manifesti, sono nati come rivendicazione, in risposta ai galleristi che non hanno voluto esporre le sue opere in quanto non commercializzabili. Le immagini, in realtà, sono parte del progetto GAFFE, articolata installazione costituita da un grande tavolo di legno, a forma di pentagono, sul quale sono posizionati molteplici iMac. Concettualmente il progetto rimanda alla Silicon Valley, e induce a profonde riflessioni sulle forme di sottomissione moderne, e sull'incentivarsi di strategie atte a pianificare nuove forme di schiavitù dall'immenso potere, che da questa valle californiana vengono ogni giorno create. http://bastiencuenot.com/    

Pubblicato in Arte
Stefania Brugnaletti

Sito web: www.awish.it

Architetto e curatrice di progetti di valorizzazione artistica. Fondatrice di a Wish Consultancy agenzia internazionale offre servizi di consulenza nel settore della creatività (architettura-artecontemporanea-moda). E' persona Interculturale plurilingue orientata verso nuovi indirizzi di ricerca. Esperta consulente d'arte è autrice di testi.

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI