Bernar Venet da Marsiglia a Venezia

Nel quadro delle manifestazioni ed eventi di Marsiglia Capitale europea della cultura 2013, il museo Regards de Provence accoglie, fino al 13 ottobre, due esposizioni di Bernar Venet, artista concettuale francese, oggi newyorkese d’adozione. 

bernar-venet-1963-goudron-sol-et-toile-bd

Nel quadro delle manifestazioni ed eventi di Marsiglia Capitale europea della cultura 2013, il museo Regards de Provence accoglie, fino al 13 ottobre, due esposizioni di Bernar Venet, artista concettuale francese, oggi newyorkese d’adozione.
La prima mostra s’interessa alle origini della sua opera, dal 1961 al 1966, periodo durante il quale l'artista visse in Provenza. Quest'opere sono predominate dal colore nero e la povertà dei materiali: monocromi di catrame, cartoni dipinti, scultura senza forma specifica composta con molto carbone. Un percorso che permette di apprezzare la radicalità delle prime proposte plastiche di Venet connotata dall'utilizzo di materiali poveri o deteriorabili e del rifiuto di qualsiasi forma di composizione e di estetizzazione, dal ricorso alla fotografia come testimone di un'azione o alle sperimentazioni sonore, fino alla decostruzione della nozione d'opera finita.
La seconda esposizione offre un panorama dei vari tipi di sculture che lo hanno reso famoso in tutto il mondo, proponendo una ventina di modellini: linee indeterminate, archi, angoli e linee dritte. Queste sculture monumentali si trovano negli spazi pubblici, nei parchi istituzionali o privati di tutto il mondo. Opere dalle dimensioni ciclopiche, impossibili da esporre in un museo. I modellini - opere artistiche a pieno titolo - permettono di rinnovare la percezione del lavoro di Venet scultore. Le dimensioni ridotte delle opere producono una relazione più intima tra lo spettatore e l'opera, che non è possibile avere con gli originali di queste sculture maestose.
Ma per Venet la monumentalità non risiede tanto nelle dimensioni delle opere quanto nella relazione della linea nello spazio, nel gioco costante con la gravità, dettati da un'esigenza permanente di purezza, indipendentemente dalla scala presa in considerazione. E per ammirare tale “grandezza” della sua scultura, sempre a Marsiglia, nel parco del Palazzo del Faro è possibile, fino al 27 settembre, sul prato di questo giardino attraversare una scultura - composta da un insieme di 12 gruppi di archi -concepita dall’artista francese proprio in occasione di Marsiglia Capitale europea della cultura.
La “doppia” esposizione al museo marsigliese Regards de Provence è gemellata con la mostra di Bernar Venet all’Abbazia San Gregorio di Venezia, realizzata in occasione della Biennale d'arte contemporanea 2013. L'artista espone sul Canal Grande, fino al 27 ottobre, tra la punta della Dogana e il Guggenheim, le sue ultime pitture matematiche che rendono omaggio all'eredità della cultura araba di cui l'occidente ha beneficiato, e particolarmente al famoso matematico Al Khawarizmi (783-850), inventore degli algoritmi, che ha introdotto le cifre arabe in Europa. Le pitture di Bernar Venet che utilizzano testi matematici si declinano in una ventina di grandi opere di forme diverse.

Cristina Biordi

Pubblicato in Arte
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Fotonews

Premio Guido Carli 2021

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI