Ceramica & Cibo

Ceramica & Cibo
La stretta relazione tra la ceramica da mensa derutese e il cibo, dall’antichità ad oggi, è protagonista della mostra ospitata al Museo Regionale della Ceramica di Deruta (Pg), visitabile fino al 30 novembre 2015.

Un inedito trionfo di decori e colori. Le ceramiche antiche per la tavola, selezionate dal patrimonio del museo, molte delle quali inedite, raccontano la loro stretta relazione con il cibo, dall’antichità ad oggi. Le opere antiche esposte dialogano con i manufatti ceramici realizzati per l’occasione dalle botteghe artigiane di Deruta.

Per l’esposizione sono stati selezionati dal patrimonio del Museo oggetti per la tavola collocabili cronologicamente tra il XIV e il XVIII secolo, molti dei quali inediti, con alcuni esempi di rielaborazioni della prima metà del Novecento. Le opere sono riconducibili al tema della mensa in un excursus storico e formale, proposto anche come modello alle botteghe artigiane chiamate a produrre per l’evento manufatti ceramici legati al tema scelto. Le opere realizzate dagli artigiani dialogano e si confrontano in mostra con i modelli storicizzati, in un inedito trionfo di decori e colori sapientemente reinterpretati dalla saggezza artigiana, in linea con il gusto contemporaneo.

“La mostra si inserisce nell’importante progetto di valorizzazione e promozione del Museo Regionale della Ceramica - sottolinea il Sindaco di Deruta Alvaro Verbena - perseguendo la lunga strada inaugurata nel 1898 quando il notaio derutese Francesco Briganti ebbe l'idea di istituire un "Museo artistico pei lavoranti in maiolica". Il titolo, già presente nel primo catalogo museale redatto da Angelo Micheletti nel 1900, recava in sé i fini che l'istituzione culturale avrebbe dovuto perseguire: non solo luogo di conservazione e cultura, ma anche modello espositivo utile alla maestranze. Il tema proposto in questa occasione si prefigge come scopo principale di raccontare l’arte ceramica derutese dall’antichità ad oggi, leggendola attraverso il peculiare aspetto della produzione destinata alla mensa, argomento di grande interesse ed attualità proprio nell’anno in cui a Milano si sta svolgendo Expo 2015 (Nutrire il pianeta, energia per la vita).

I destinatari principali dell’iniziativa sono gli artigiani e gli artisti ceramisti, chiamati ad esporre le proprie opere all’interno del “Museo artistico pei lavoranti in maiolica”, in un’ottica di promozione della produzione artigianale locale in un periodo di crisi come quello che l’intero comparto ceramico sta attraversando ormai da anni”.

La città di Deruta partecipò pienamente alla progressiva evoluzione della tavola e dei riti conviviali. Almeno fin dai primi del Trecento la produzione derutese da mensa ha avuto una significativa diffusione. I documenti d’archivio del Sacro Convento di Assisi registrano fra il 1513 e il 1702 frequenti e consistenti forniture di vasai derutesi. Tra queste, fa sensazione quella di Cecce d’Alessandro nel 1355 a cui sono richiesti oltre seimila pezzi. Come fossero le ceramiche dell'epoca è testimoniato sia dai ritrovamenti nel Sacro Convento che dalle testimonianze iconografiche del periodo. La “Morte del Cavaliere di Celano” del ciclo degli affreschi di Giotto nella Basilica di San Francesco ad Assisi, nella rappresentazione delle storie di San Francesco, mostra una tavola imbandita con brocche e ciotole di ceramica e un vassoio di pesce arrostito. Di qualche anno più tardi un dipinto di Duccio di Buoninsegna con il miracolo evangelico delle “Nozze di Cana”, conservato a Siena nel Museo dell’Opera del Duomo, raffigura una serie di personaggi in primo piano che versano liquidi in vasi di terracotta e boccali di maiolica finemente dipinti, sullo sfondo una tavola riccamente imbandita. Da questi due capolavori dell'arte italiana si ricava anche come la ceramica avesse già riconquistato, all'epoca, un ruolo importante e non solo utilitario nell'allestimento della mensa conviviale.

Il curatore Giulio Busti, conservatore del Museo: “La necessità di aggiornare lo stile e le decorazioni al gusto contemporaneo della ceramica artistica è una questione che ha origini antiche e che i vasai derutesi hanno affrontato nel corso dei secoli, rinnovando il proprio repertorio decorativo agli stili prevalenti. A Deruta le prime significative rielaborazioni erano già presenti nelle produzioni rinascimentali: i ceramisti, infatti, si ispiravano alla pittura coeva, apportando variazioni e modifiche delle scene o delle singole figure. Le ragioni della mostra sono quelle di individuare punti di contatto con le opere storiche della tradizione di Deruta, attraverso quell’universo di forme, di colori e di tecniche che possono essere ancora esperite, utilizzando la decorazione che è stata  l’elemento espressivo dominante nella cultura della bottega artigiana derutese.

Gli artigiani e imprenditori coinvolti hanno lavorato con grande entusiasmo su questa proposta del Museo. Ciò ha ridestato nella bottega artigiana lo spirito giusto per affrontare temi storici con la libertà e la maestria tipica del fare ceramica, anche con possibili prospettive commerciali che da questa iniziativa possono nascere”.

Per informazioni:  Sistema Museo 

 

 

 

Pubblicato in Arte

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI