Collages e dipinti di Lina Passalacqua e di Ernesto Terlizzi allo “Studio S” di Roma

Collages e dipinti di Lina Passalacqua e di Ernesto Terlizzi allo “Studio S” di Roma
Inaugurate a Roma, negli spazi espositivi dello “Studio S – Arte Contemporanea” (Via della Penna 59), nell’ambito della rassegna “Collage … Pittura”, due mini personali di Lina Passalacqua e di Ernesto Terlizzi nelle quali protagonista è il collage, mezzo privilegiato di espressione anche se utilizzato in modo diverso:  bozzetto-guida per cicli pittorici su temi diversi per Lina Passalacqua e strumento fine a se stesso che si identifica con l'opera stessa  per Ernesto Terlizzi.

Le sale dell'esposizione, allestite in maniera molto diversificata, rispecchiano le personalità dei due artisti che, apprezzandosi a vicenda, hanno accettato di buon grado l'invito dello “Studio S” non inteso a  creare un confronto ma a presentare due aspetti assolutamente diversi di un “fare arte” con gli stessi mezzi, entrambi degni di attenzione e approfondimento. 

Le opere in esposizione della Passalacqua (6 collage non tradotti su tela, 14 collages-bozzetti per tele realizzate e 8 olii su tela), scrive Carmine Siniscalco, sono un'esaltazione del colore sia nei bozzetti-collages su carta che nella loro definizione su tela dipinta ad olio, ricche di  velature e dall'audace tavolozza, in un intrigo di forme suggerite più che descritte. Composizioni ispirate ad un ricordo futurista inglobato in soggetti naturalistici nel ciclo dei “Voli”, che si riallaccia a quella ricerca del movimento da sempre presente nel  lavoro dell'artista e dalla critica sottolineata fin dal suo primo apparire, e in quello de “Le quattro stagioni”, vera apologia della natura nel suo perenne rinnovarsi, un'esplosione  vitale che invita a  seguirne i percorsi e le trasformazioni, un viaggio appassionato nel tempo che scorre. 

La sala di Ernesto  Terlizzi, scrive ancora Siniscalco, attraverso 6 opere collages-assemblages, tra le quali un trittico di cm. 206 di base, offre invece un paesaggio tutto mentale, che non si affida all'impatto del colore ma alla forza silenziosa dei grigi e degli ocra, composti con mezzi eterogenei e naturali, cartoni, pietre, inchiostri, che quasi  sussurrando raccontano violenze e tragedie, calamità e sinistri e diventano contenitori di dolorosi contenuti e messaggi sottolineati dalla contrastante eleganza formale che li racchiude. L'esposizione potrebbe titolarsi “Mare nostrum” per l'imprevisto e sorprendente  riferimento di queste opere al problema quanto mai attuale dell'immigrazione, con i suoi  naufraghi dispersi e annegati: una raccolta di opere-manifesto che incantano per la loro bellezza e  che per il loro contenuto invitano alla riflessione. 

La mostra resta aperta fino al 9 giugno con orario dal lunedì al venerdì dalle 15,30 alle 19,30 e il sabato anche dalle 11 alle 13,30.

Alberto Esposito

Pubblicato in Arte
Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Fotonews

Premio Socrate 2021

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI