Corn79 presenta a Torino i suoi "Hybrids"

Corn79 + Etnik Corn79 + Etnik
Una fine d’anno 2014 ricca di eventi legati al mondo della street art italiana. A Torino, una delle piazza più attive e attente a questo genere, dall’ 11 dicembre al 20 gennaio 2015, si tiene l’esposizione “Hybrids” di Riccardo “Corn79” Lanfranco alla Square23 Gallery. 

Un nome noto nell’ambiente non solo in qualità d’artista ma anche perché sostenitore del progetto “Murate” a Torino e fondatore nel 2001 de “Il Cerchio e le Gocce”, la prima associazione italiana dedicata alla promozione della creatività urbana.

“Hybrids”, già presentata a Milano alla galleria Studio D’Ars, unisce presente e passato del percorso artistico di Corn79, in un allestimento che ripercorre idealmente gli aspetti della propria ricerca stilistica.

«Il viaggio inizia negli anni Novanta, periodo nel quale entra nel mondo del writing sia come artista che come organizzatore di eventi importanti (Street Attitudes/Picturin). Più tardi, intorno alla metà degli anni Duemila, abbraccia il “post graffitismo” o “street art”, dove la firma (tag), ovvero la peculiarità del writing, viene sostituita da una rappresentazione pittorica, figurativa o astratta», scrive il critico Pietro Rivasi parlando dell’esposizione.

Corn79 ama la grafica, la Op art e la cultura psichedelica, ed è affascianto dal mondo orientale e sceglie come figura personale un elaborato sistema di geometrie simili a un “mandala” buddista o al yantra Hindu: «un diagramma circolare costituito dall’associazione di punti, triangoli, cerchi e quadrati, un articolato simbolismo che consente a chi lo osserva un imprevisto percorso spirituale.»

Questo passaggio dal tag al “mandala” segna la crescita artistica di Corn79 che supera la più caotica fase di writer, per arrivare a un lavoro più progettuale e maturo delle rappresentazioni geometriche: «cambiano i tempi, le modalità di esecuzione, le dimensioni e soprattutto i soggetti.» In questo rinnovamento restano immutati i mezzi espressivi e i supporti: il muro dove viene realizzata l’opera rispecchia la vita effimera del “mandala”, un monito sulla caducità delle cose e la loro rinascita.

“Hybrids” è il punto di arrivo di questo percorso di ricerca quasi ventennale: una personale atipica, in cui tutte le opere sono state realizzate a quattro mani, in collaborazione con artisti quali: 108, Andrrea, Aris, Etnik, Eon75, Fabrizio Visone, Francesco Barbieri, Giorgio Bartocci, Giulio Vesprini, Hide, Jeroo, Mach505, Made514, MrFijodor, Proembrion, Rems182, Reser, Romi, Ruas, Vesod, Zoer, ZorkMade.

L’esposizione mostra i due suoi momenti della ricerca artistica di Corn79: dagli esordi di writer, dove il collettivo, la crew riveste un ruolo fondamentale dal nome alla realizzazione di opere di grandi dimensioni spesso in situazioni di particolare pericolo e illegalità; a quello attuale, «in cui le figure astratte, entrando nel perimetro circoscritto della galleria assumono la forma di algoritmi, di particelle subatomiche in movimento, molecole e galassie, l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo che determinano i limiti della percezione umana e rimandano insieme alla spiritualità delle opere su muro, dalle quali si distaccano nella tecnica, nelle dimensioni e spesso nelle forme», spiega Pietro Rivasi. 

“Hybrids” più che una mostra da raccontare è da vedere per perdersi in nuove cosmogonie.    

 

Il Cerchio E Le Gocce

Pubblicato in Arte
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Fotonews

Paillettes sorridenti

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI