Diego Pettinelli, un maestro della pittura figurativa

Diego Pettinelli, un maestro della pittura figurativa
L’esposizione di numerose opere dell’artista Diego Pettinelli, che sarà inaugurata a Roma giovedì 9 aprile alle ore 20 presso la galleria “Sallustiana 27” (Via Sallustiana 27, fino al 23 aprile: orario dal martedì al venerdì dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 19), costituisce un esaustiva testimonianza sulla attività artistica del pittore, di origine marchigiana, ma divenuto romano di elezione.

Le opere di Diego Pettinelli, nella collezione Salomone, curata da Egidio Maria Eleuteri, presenta opere suggestive che recuperano, con notevole capacità, la bellezza della pittura leggibile.

L’artista, che si è espresso in altre difficili tecniche, racconta nei suoi dipinti con toni larghi, intensi e decisi alcuni aspetti della vita quotidiana a Roma; mentre nelle sue xilografie vivifica e rende estremamente leggibile questa antica arte pittorica immersa, però, nella cultura del ‘900.

Come viene scritto nella presentazione al catalogo “nei suoi paesaggi, nelle sue marine vivono ricordi di momenti omerici mediati da descrizioni, anche se brulle e rocciose, immerse in silenziose solitudini; sono notazioni in cui affiorano anche disarmonie, tensioni che nell’insieme del dipinto vivono, amalgamandosi in un continuo canto vocale”.

In occasione della mostra è stato edito un catalogo con scritti di Egidio Maria Eleuteri e  la testimonianza poetica di Franco Simongini.

Diego Pettinelli nasce a Matelica (Macerata) nel 1897 e muore a Roma nel 1989. Si diploma all’Istituto di Belle Arti di Urbino. Iniziò a dedicarsi alla xilografia fin dal 1919, fu il miglior allievo di Adolfo De Carolis che aiutò nella decorazioni del Palazzo del Podestà a Bologna, poi negli affreschi a Pisa, Arezzo, Padova. Ha esposto alle Biennali di Venezia, a numerosissime Sindacali, alle Quadriennali di Roma, Pavillon de Marsan a Parigi nel 1922, alla Mostra Internazionale di Lione nel 1936. Ha illustrato numerosi volumi delle Edizioni Zanichelli, Mondadori, Laterza, Vallecchi, Libreria dello Stato, Sindacato Arti Grafiche e gli Annali dell’Africa Italiana. Ebbe anche una personale nel 1942 alla Biennale di Venezia. Alcuni critici lo considerarono uno degli ultimi appartenenti alla Scuola Romana. 

Pubblicato in Arte
Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI