Finissage di Mille - Disegni a matita di Daniele Clementucci

Finissage di Mille - Disegni a matita di Daniele Clementucci
Oltre 2000 i visitatori che hanno potuto vedere in queste 3 settimane i venti disegni a matita realizzati dal giovane artista romano, classe 1989, le cui opere sono caratterizzate da una particolare forma di iperrealismo: Clementucci realizza ritratti utilizzando esclusivamente matite di grafite: col risultato strabiliante di riprodurre i volti in modo da farli sembrare vere e proprie fotografie. 

Venerdì 31 ottobre a Spazio5 in via Crescenzio 99/d a Roma, avrà luogo il finissage della mostra in presenza dell'artista e di nomi noti dell'arte e dello spettacolo.

La tecnica usata da Clementucci è quella che caratterizza la corrente artistica dell’Iperrealismo. Nata agli inizi del 1970 negli Stati Uniti, e diffusa nei decenni successivi anche in Europa, l’Iperrealismo si caratterizza per un modo di dipingere basato sulla riproduzione (su carta o su tela) di un soggetto fotografico. Si decide di rappresentare la realtà partendo da un’immagine fotografica. Ingrandendola il più possibile, e riproducendola come disegno con una maniacale rappresentazione dei dettagli, ci si avvicina molto alla normale percezione della realtà, esaltando la nitidezza e la minuziosità del soggetto riprodotto al punto che le differenze tra l’opera e la fotografia risultano quasi impercettibili. Così anche i volti catturati dalla matita di Daniele Clementucci, in mostra per la prima volta a Spazio 5 da venerdì 10 ottobre, sembrano ritratti fotografici in bianco e nero.

“La grande pittura del passato privilegiava volti, gruppi, paesaggi, ma la sua grandezza era, credo, nei volti – nel renderci vicini e comprensibili i caratteri, le personalità. Poi è venuta la fotografia, che nella rappresentazione del reale ha sostituito la pittura. Sono venuti i primi piani del cinema, i volti divisi in veri e in truccati, secondo un’idea del bello flaccida e standardizzata. Ora si torna al disegno, all’illustrazione, proprio per mostrare ciò che la pittura ha tradito e di cui la fotografia ha abusato sminuendone peso e valore. Di questo campo necessario e affascinante delle arti visive – le facce, ciò che esse dicono o che nascondono – si accorge di nuovo il disegno, e di questo, con il vigore e l’energia di un nuovo che preme e di un antico che torna, Daniele Clementucci si fa esploratore, pioniere. “

Goffredo Fofi

Daniele Clementucci nasce a Roma il 25 luglio del 1989. Sin da bambino mostra una naturale attitudine per il disegno. Frequenta il liceo artistico "Ripetta" dove mostra una passione anche per la lavorazione e creazione delle opere in gesso ma è proprio in questo periodo della sua vita che sotto la guida del Professor Cesare Tacchi - fondatore della "Pop Art Italiana" - comincia a prendere piena coscienza della sua vera passione: il disegno iperrealistico con l'utilizzo di una semplice matita nera. Così comincia a creare ritratti in bianco e nero affinando sempre più la tecnica. Il forte incoraggiamento dei personaggi, molto spesso famosi, che attraverso la rete lo premiano e lo incoraggiano, lo spingono di giorno in giorno ad approfondire questa tecnica. 

Dario Vergassola con Daniele Clementucci

Vernissage: 31 ottobre 2014 dalle 19.00

www.spazio5.com Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 06.6876251 – 348.4814089

  • Mille - Daniele Clementucci - 1
  • Autore: Francesco Alfonsi
  • Mille - Daniele Clementucci - 75
  • Autore: Francesco Alfonsi

Pubblicato in Arte

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI