Fratelli a quattro gambe. Massimo Wertmüller e la sua arte in favore degli animali

Fratelli a quattro gambe. Massimo Wertmüller e la sua arte in favore degli animali
Massimo Wertmüller e l’Altrove Teatro Studio di Ottavia Bianchi e Giorgio Latini si schierano insieme dalla parte degli animali con una mostra di vignette ad opera dello stesso attore in difesa della causa animalista che verrà inaugurata sabato 6 novembre 2021 alle ore 11.00.

«Io penso che chi fa violenza su un animale è un essere schifoso perché sono creature deboli e indifese. Prendete per esempio un cucciolo in braccio, vi accorgerete subito che quella massa di peli, carne, cervello e cuore, anche di sentimenti, vi sta in braccio consegnandovi la sua fiducia. Se penso che invece qualcuno i cuccioli li getta dal finestrino o nei cassonetti, capisco Gandhi quando diceva che il grado di civiltà di un popolo di misura da come questo tratta gli animali. Chi imbraccia un fucile all'alba per andare a sparargli, accuratamente nascosto, non è degno di chiamarsi essere umano o civile perché quella inferta agli animali, come quella sui bambini, è la più vigliacca delle violenze e chi la produce è capace di tutto» (Massimo Wertmüller)

«Se non si inaspriscono pene e non si rifanno leggi per salvaguardare le creature più fragili (penso ad esempio alle api) forse riaprendo valori arcaici, nell'idea che il futuro sta nel passato, se non si fa questo, la battaglia della politica futura per me è una battaglia già persa»

«L'empatia è la grande sfida del futuro, la grande cura di questo mondo, la grande via, assieme alla cultura. Per la civiltà. Cominciando dai nostri fratelli a quattro gambe. Vi prego, aiutiamoli, aiutiamoci. Facciamo noi, nel nostro piccolo, come possiamo, nel nostro centimetro quadrato, un mondo migliore. Anche per non vedere le immagini che ogni giorno si vedono nei mattatoi per gli interessi di una lobby, o in un bosco per il divertimento dei cacciatori. O in un laboratorio per una ricerca fallace inferta sugli animali, o in un circo per sollazzare i bambini… Facciamolo, proviamo a farlo noi questo mondo migliore»

«Nella nostra vita due sole cose ci hanno salvato nei momenti più bui: il teatro e i nostri animali. Abbiamo conosciuto tante persone buone e cattive ma nessuno di loro ha potuto darci, come ogni giorno fanno i nostri cani, amore incondizionato, l'insegnamento del valore della fedeltà, dell'amore sincero, della semplicità delle cose contro la continua corsa al risultato che questa società ci impone. Dove corriamo tutto il giorno? Cosa inseguiamo? Il cane se corre lo fa solo per giocare, sfogare le sue energie e la sua gioia senza far male a nessuno. Gli basta un pasto caldo e un po' di buona compagnia per essere felice e fedele. Vive pienamente il suo presente e non si cura del domani. Sa benissimo cosa sia l'empatia e la cura. Usa l'istinto per riconoscere il pericolo e si farebbe uccidere per difendere il suo compagno. Non conosciamo esseri umani di cui poter dire tutte queste cose insieme. Chi non li difende in quanto nostri fratelli minori e immensamente più puri, anzi addirittura li uccide, è un essere che non merita pietà anzi ci auguriamo un inasprimento delle pene che preveda, per chi si macchia di questi reati, una pena commisurata e non inferiore a quella che egli stesso infligge a queste creature innocenti» (Ottavia Bianchi e Giorgio Latini)

Un evento speciale che vedrà protagonisti, oltre a M. Wertmüller ed agli stessi direttori, altri rappresentanti del teatro e dello spettacolo come Andrea Lolli, Elisa Di Eusanio, Giulia Santilli, Caterina Gramaglia ed altri attori impegnati sullo stesso fronte, i quali leggeranno alcuni brevi racconti tratti dal Bestiario di Dino Buzzati dedicati proprio ai nostri amici animali. La mostra rimarrà in esposizione per due settimane, fino a sabato 20 novembre.

L’ingresso sarà gratuito nella mattinata del 6 novembre, così come gratuitamente sarà possibile ascoltare le letture di Buzzati nella medesima mattinata e visitare la mostra di Wertmuller anche nel corso delle due settimane a seguire, previa prenotazione e la rinnovata preghiera di donazione di almeno uno degli elementi necessari alla sopravvivenza degli animali.

Sono infatti centinaia le vignette nate dalla fantasia dell'artista, non solo relative a questa tematica. Di tale moltitudine negli spazi dell’Altrove Teatro studio verrà esposta una serie di disegni connessi ai temi della natura, dell'ambiente e della protezione degli animali con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico sull’argomento e raccogliere donazioni a favore di associazioni del territorio. L’Altrove Teatro Studio, infatti, fin dalla sua apertura, si è sempre votato a questa causa e sovente ha organizzato raccolte per gli animali meno fortunati che soffrono il freddo nei canili. Anche questa volta la richiesta è la medesima: coperte, vecchi cuscini, crocchette e medicinali per animali oppure, come opzione alternativa, donazioni in denaro che verrà devoluto interamente alla causa. Anche quest’anno, con l'inverno alle porte, Ottavia Bianchi e Giorgio Latini si sono mobilitati, stavolta con l’aiuto di un importante testimonial, Massimo Wertmüller, già molto attivo nel suo impegno a favore della causa ambientalista sui social e in varie occasioni di questo tipo, per smuovere le coscienze, raccontare aspetti meno noti dei nostri amici pelosi attraverso l’arte e la parola poetica.

 

La mostra Fratelli a quattro gambe rimarrà esposta all’Altrove Teatro Studio fino a sabato 20 novembre 2021

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Arte

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI