Il cubo di Mirolla vicino alla barcaccia

Un cubo gigante a due passi dalla barcaccia di Piazza di Spagna e dalla scalinata di Trinità di Monti, firmato Miriam Mirolla. E’ l’opera, intitolata “The Self-Cube. Mappe di realtà interna”, collocata in Piazza Mignanelli a Roma e “battezzata” domenica 22 maggio 2011.

the_self-cube_miriam_mirolla

Un cubo gigante a due passi dalla barcaccia di Piazza di Spagna e dalla scalinata di Trinità di Monti, firmato Miriam Mirolla. E’ l’opera, intitolata “The Self-Cube. Mappe di realtà interna”, collocata in Piazza Mignanelli a Roma e “battezzata” domenica 22 maggio 2011. Con l’installazione l’arte contemporanea irrompe nel cuore della capitale e della sua storia. Questo spazio unico al mondo e così ricco di fascino è stato affidato a Miriam Mirolla, docente dell’Accademia di Belle Arti, critica e curatrice di mostre, con il progetto “Myatelier.net Creatività per le strade di Roma”.

L’iniziativa trasforma la città eterna in una galleria d’arte contemporanea a cielo aperto. Ha il patrocinio di Roma Capitale ed è organizzata dalla società MyAtelier, con la direzione artistica di Boiler Corporation con Porzia Bergamasco. Il punto di partenza è l’ideazione di cubi quattro metri per quattro da parte di studenti dell’Istituto europeo di design e l’individuazione, effettuata da ma0/Studio d’architettura insieme al Comune di Roma e alla Soprintendenza dei Beni Artistici e Storici di Roma, del percorso per la loro sistemazione con l’intervento di quindici artisti chiamati a esprimersi sul tema dell’”Altrove”.

Ricevuta in consegna a Piazza Mignanelli la struttura, Miriam Mirolla ha realizzato un progetto artistico ad hoc all’interno del cubo, visibile da domenica 22 fino a domenica 29 maggio a mezzanotte. “The Self-Cube” - scrive Miriam Mirolla – è "il luogo in cui ogni spettatore o spettatrice entrando" può "generare il proprio autoritratto psichico". L’ambiente interno al cubo delimita "lo spazio di una riflessione mentale che prevede e comporta una nuova definizione di corpo, genere, unità, identità, integrità.”

Nel cubo avviene la proiezione di un set di immagini che lei ha denominato “Stimoli psycho-pop”. Ognuno può selezionarne 6 e ricomporre un autoritratto a sei facce che sarà consegnato direttamente alla mail del visitatore. Questo esperimento, che si fonda su una potenzialità combinatoria altissima, è oggetto di studio e di valutazione a fine esperimento.

L’abbraccio tra l’incalzare del presente e l’impatto del passato, tra il visibile e il fantastico, caratterizza da anni il lavoro di Miriam Mirolla. Se con “Amore e Psiche. Storyboard di un mito” mette in luce le fantasie primarie alla base dell’arte contemporanea, con “L’Arte c’est moi! Quindici interviste sull’arte contemporanea” riesce a focalizzare la relazione tra pensiero teorico contemporaneo e personalità. Una linea di ricerca, quella di Miriam Mirolla, che coniuga arte e psicologia, immagine e parola, e che ha come sfondo teorico di riferimento il pensiero di estetica totale della Teoria Eventualista.

In questa occasione “The Self-Cube” si ripropone di interagire col grande pubblico: per turisti, appassionati e curiosi dell’arte e del nuovo, l’iniziativa, com e si legge in un comunicato degli organizzatori, è l’occasione di una riflessione sull’attraversamento dei “confini” posto in stretta relazione con le più attuali idee della pluralità, della mobilità e della città. La collocazione dei cubi è prevista in un tracciato compreso tra due “porte” storiche della città: ponte Milvio a nord e l’Eur a sud. Un invito a rileggere la città come una sequenza di luoghi a uso collettivo e all’insegna della sperimentazione creativa. All’Eur nella sede dell’Audi, main partner dell’inziaitiva, disponibili tutte le informazioni relative alla manifestazione.

 

G. Currado - Agrpress ©

 

Pubblicato in Arte
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

Proteste lavoratori Alitalia

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI