Il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, sulla spiaggia dell'Ecoresort le Sirenè di Gallipoli

Il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, sulla spiaggia dell'Ecoresort le Sirenè di Gallipoli
L'artista Michelangelo Pistoletto torna nel Salento per una suggestiva performance collettiva. Al tramonto la presentazione del catalogo della mostra, curata da Manuela Gandini, ospitata dal Castello della città jonica che grazie al grande successo di pubblico e critica è stata prorogata sino al 1 novembre.

Sabato 12 settembre dalle 17 il maestro Michelangelo Pistoletto, uno tra i più importanti artisti contemporanei al mondo, torna a Gallipoli per una suggestiva performance collettiva. La spiaggia dell'Ecoresort Le Sirenè, nella riserva naturalistica Torre del Pizzo, ospiterà, infatti, un Terzo Paradiso davvero speciale al quale potranno partecipare tutti (unica richiesta quella di indossare una maglietta bianca e un costume da bagno). Il simbolo, ospitato in questi anni da centinaia di città sparse per il mondo, scaturisce da una riconfigurazione del segno matematico d’infinito e si pone come opera relazionale. Tra i due cerchi opposti, assunti rispettivamente a significato di natura e artificio, viene inserito un cerchio centrale, a rappresentare il grembo generativo del Terzo Paradiso, ideale superamento dell’attuale conflitto tra natura e artificio. Il segno centrale diviene l’auspicio urgente di una risoluzione nel quale armonizzare le due parti. 

Dalle 19, inoltre, sarà presentato il catalogo della mostra “Michelangelo Pistoletto a Gallipoli”, personale dell'artista curata da Manuela Gandini, ospitata per tutta l'estate dal Castello di Gallipoli. Pittore e scultore, esponente della Pop Art, animatore e protagonista del movimento dell'Arte Povera, autore negli anni Sessanta e Settanta dei “Quadri specchianti” e degli “Oggetti in meno”, ideatore con Maria Pioppi, di Cittadellarte - Fondazione Pistoletto a Biella, luogo di interazione tra l’arte, l’educazione, l’industria e la società, Michelangelo Pistoletto ha ideato per il Castello tre grandi installazioni site-specific (il Terzo Paradiso nella Piazza d'Armi, un labirinto di cartone e il tavolo specchiante LoveDifference nella sala ennagonale), che stimolano simbolicamente lo spazio di relazione tra le persone e la storia, riconnettendo il passato al presente. Grazie al grande successo di pubblico e di critica, la mostra, che ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, prodotta dall'agenzia di comunicazione Orione, che gestisce il Castello con la direzione artistica dell'architetto Raffaela Zizzari, è stata prorogata sino al 1 novembre per dare la possibilità agli studenti delle scuole della provincia di ammirare le opere di Pistoletto. Domenica 13 settembre alle 18.30 l'artista sarà in Piazza Salandra a Nardò per un incontro con l'autore, attore e regista Alessandro Bergonzoni.

Una sala del castello ospita anche un temporary store di Made in Carcere che propone borse, accessori, custodie tech confezionati da donne detenute, utilizzando esclusivamente tessuti avanzati, materiali di recupero o riciclo che vengono combinati e rielaborati con creatività per dare loro una “seconda vita”. Chi compra da Made in Carcere sostiene un progetto rieducativo che fa bene all'ambiente. In occasione dell'inaugurazione della sua personale, il maestro Pistoletto ha trascorso circa un'ora nel carcere di Borgo San Nicola a Lecce incontrando alcune delle sarte detenute. In quell'occasione l'artista ha raccontato loro del suo concetto universale del Terzo Paradiso lasciando un segno/ricordo sul muro del laboratorio. 

Inoltre il maniero di Gallipoli da qualche settimana è "in rete" con il Castello Aragonese di Otranto (dove sono allestite le mostre "Il sud e le donne" di Ferdinando Scianna, autore di straordinari reportage apprezzati in tutto il mondo, e "Il Grand Tour da Napoli ad Otranto", a cura di Mario Congedo Editore e dell'Associazione Le Tradizioni Mediterranee) e con il Castello Carlo V di Lecce (che ospita la “Mostra Internazionale sulle Torture Medievali”). Presentando il biglietto intero acquistato in un castello si avrà diritto allo sconto di 1 euro sull'ingresso negli altri due. Castelli in rete è un progetto innovativo di marketing territoriale, unico nel suo genere, ideato da Luigi Orione Amato, Marina Quarta e Raffaela Zizzari, fortemente voluto dalle tre amministrazioni comunali e dai gestori degli antichi manieri, per cercare di ampliare la promozione del “sistema del castelli del Salento” triplicando le singole azioni promozionali, per valorizzare e sviluppare la conoscenza degli stessi beni, migliorando e diversificando l’attuale offerta culturale dell’intero territorio salentino.

Pubblicato in Arte

Fotonews

Premio Socrate 2021

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI