Indovina chi viene oggi a scuola?

Può una collezione d’arte prestare un’opera ad una scuola? E’ proprio quello che è accaduto nel Regno Unito con il progetto‘The Your Paintings Masterpieces in Schools’, sviluppato in collaborazione con la BBC. 

yourpaintingsyourschoolpost

Può una collezione d’arte prestare un’opera ad una scuola? E’ proprio quello che è accaduto nel Regno Unito con il progetto ‘The Your Paintings Masterpieces in Schools’, sviluppato in collaborazione con la BBC. Per l’intero mese di ottobre, 27 tra scuole elementari e medie hanno potuto ospitare uno tra i 26 dipinti da selezionare facenti parte delle più famose collezioni del paese. La scelta poteva ricadere tra capolavori di grandi artisti come Gainsborough, Lowry, Monet, Turner. Ogni scuola ha avuto la possibilità di usare la pittura come fonte di ispirazione per sviluppare l’apprendimento creativo. L’obiettivo è stato quello di migliorare e favorire l’accesso del pubblico (in questo caso quello dei più piccoli) alle collezioni del Regno Unito, un modo per elevare il profilo della propria collezione d’arte nazionale, con l’idea che partendo dall’analisi dell’attualità di un dipinto può scaturire un ricordo duraturo della giornata trascorsa in classe a stretto contatto con il dipinto. Un modo diretto di fare didattica dell’arte con le scuole, un progetto sicuramente coinvolgente e partecipato, da proporre in Italia dove da tempo si realizzano nei musei laboratori didattici per bambini. I dipartimenti educativi sono ormai presenti non solo nei più grandi musei come la GAM di Bologna, il museo Pecci di Prato, la Gnam, il MAXXI e il Macro di Roma, ma anche in città piccole e periferiche come Brindisi con il suo Map e Lecce con il Must. I laboratori risultano un approccio possibile e produttivo all’arte, stabilendo quindi un rapporto sensibile con l’opera e il suo autore, permettendo inoltre un processo di continua rielaborazione e interpretazione dialogica. Un progetto che porterebbe a superare le barriere sociali, culturali ma anche architettoniche ed economiche che molto spesso si incontrano durante le attività didattiche sviluppate nei luoghi deputati all’arte. 

Maila Marasco

Pubblicato in Arte

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI