La pittura sovietica a Roma

  E` un percorso tra realismo e impegno sociale attraverso i grandi temi della pittura russa la mostra “Realismi socialisti. Grande pittura sovietica 1920-1970” dall`11 ottobre 2011 all`8 gennaio 2012 al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Il racconto, tra pennellate e colori, del lavoro, dell`arte e delle idee dello stile di vita del popolo sovietico.

Realismi-294x217E` un percorso tra realismo e impegno sociale attraverso i grandi temi della pittura russa la mostra “Realismi socialisti. Grande pittura sovietica 1920-1970” dall`11 ottobre 2011 all`8 gennaio 2012 al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Il racconto, tra pennellate e colori, del lavoro, dell`arte e delle idee dello stile di vita del popolo sovietico.

La storia della pittura del Realismo socialista coincide col racconto di uno straordinario movimento artistico del XX secolo. Lo stato sovietico sostenne la pittura realista in una misura ineguagliata nel resto del mondo, promuovendone lo sviluppo attraverso "l'arruolamento" di migliaia di artisti di talento in tutto il territorio di un immenso impero multi-etnico. Il Realismo socialista esaltò il ruolo sociale dell'arte e la superiorità del contenuto sulla forma; incoraggiò il recupero delle pratiche di mestiere tradizionali e attinse alla storia dell'arte europea antica e moderna come ad un serbatoio di motivi stilistici e iconografici da cui trarre ispirazione. Nella storia del XX secolo, esso ha rappresentato l'unica compiuta alternativa al desiderio di fare tabula rasa del passato caratteristici del movimento moderno. Realismi socialisti: grande pittura sovietica 1920-1970 è la più completa rassegna di questo movimento mai presentata fuori della Russia. La mostra segue lo sviluppo della pittura del Realismo socialista dalle ultime fasi della Guerra civile all'avvio della stagione brezhneviana, arrestandosi all'apertura degli anni settanta, data oltre la quale le tendenze dell'arte ufficiale sovietica seguiranno direzioni varie e incoerenti, tali da far tramontare definitivamente il dominio culturale delle correnti realiste-socialiste. L'esposizione è organizzata in sequenza cronologica attraverso le sette gallerie del Palazzo delle Esposizioni. All'interno di ogni galleria è presentata una molteplicità di questioni, di temi e di approcci formali all'arte di ciascun periodo. Mettendo in evidenza la grande varietà di soluzioni con cui gli artisti risposero alla sfida del Realismo socialista, non solo nello svolgersi del tempo ma anche nella simultaneità delle singole scansioni cronologiche, la mostra intende smentire, ribaltandolo, il mito del Realismo socialista come forma d'arte monolitica, riassumibile in una forma univoca.

Un`attività dedicata alla famiglia viene, in contemporanea, promossa dai Servizi educative – Laboratorio d`arte: nel primo mese delle`evento infatti sono organizzati tre laboratori speciali pensati per avvicinare i più giovani (7-11 anni) all`arte con un approccio creativo.

 

Informazioni: Palazzo delle Esposizioni, Sala Cinema, scalinata di via Milano 9 A, Roma

www.palazzoesposizioni.it

Pubblicato in Arte

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI