Les Murs di Art Paris Art Fair 2016 : Les Femmes Fatales di Errò

Les Murs di Art Paris Art Fair 2016 : Les Femmes Fatales di Errò
Apre i battenti al pubblico dal 31 marzo al 3 aprile Art Paris Art Fair, annuale appuntamento d'arte moderna e contemporanea della primavera parigina.

Ospite d'onore di questa diciassettesima edizione è la Corea del Sud. Tra i lavori selezionati dal guest curator Sang-A Chun, spiccano le opere di due artisti coreani BAE Bien-U e Lee Bae (Galleria RX, Parigi), dalla delicata ricerca artistica improntata sulla gradualità dei grigi e indagata nelle molteplici sfumature della profondità della terza dimensione. Delicati e tenui anche i bianchi, i grigi, e i neri che si sovrappongono nella sequenza d'immagini dell'incantevole video dell'artista coreano Lee Lee-Nam (Galleria Photo 12, Parigi). Il percorso espositivo intervalla i lavori coreani alle opere di altrettanti artisti di fama internazionale, e tra questi incantano i capolavori dell'artista Stephane Erouane Dumas (Galleria Fred Lanzberg, Bruxelles): influenzato dai paesaggi del Nord Europa, l'artista francese espone una rassegna di opere dedicate all'ambiente, immergendo il visitatore nell'incanto delle foreste di betulle innevate.

Tuttavia, è Errò, il maestro della Nouvelle Figuration, che irrompe sulla scena, presente in più stands della fiera con una rassegna di opere su tela e su carta (Galleria Ernst Hilger di Vienna), con tre bellissimi esemplari su ceramica (Sèvres - Città della Ceramica, Parigi) e, ancor più, in modo monumentale, facendo esplodere di colori LES MURS di Art Paris, parete annualmente riservata a un esponente dell'arte di fama mondiale. L'artista dedica l'intero spazio costituito da due grandi pareti esclusivamente alla figura femminile, presentando la serie delle Femmes Fatales, con il supporto della galleria viennese e del Museo Angerlehner di Vienna. Esposte, per la prima volta, sono opere rivolte a sensibilizzare un collezionismo attento e ricercato. In tutto, diciannove figure che raffigurano donne sensuali, seducenti, spesso ironicamente pericolose. L'artista islandese presta particolare attenzione ai temi sociali e rappresenta un mondo allegorico popolato da eroine e supereroi, trattando metaforicamente aspetti problematici della vita politica e sociale.

Ed è, proprio, con la serie delle Femmes Fatales che, nel 2015, Errò -artista sensibile e generoso- ha aderito a un progetto internazionale lanciato da Kahuna, realtà imprenditoriale che ha sede a Roma, leader nell'universo della Boarding Culture. Guidata da un team di esperti e amanti dello Skate e Snow Board, sotto la supervisione dei due soci fondatori Laura e Marco, l'attività commerciale da anni è culturalmente impegnata alla divulgazione delle due discipline sportive. Impegnando la sua intera equipe, oggi, Kahuna Movement è indirizzata alla realizzazione di un ambizioso progetto sportivo dalle finalità educative che vede la costruzione di uno Skate Park a Roma. Sede di diverse attività l'impianto a carattere prevalentemente sportivo vedrà, oltre che la costruzione delle strutture riservate alla disciplina sportiva, anche l'installazione di vari Street Art Containers, personalizzati dalle singole esigenze, che ospiteranno una scuola per l'insegnamento della disciplina sportiva e, in egual modo, garantiranno altre attività di supporto (ristorazione e servizi). Le Femmes Fatales di Errò saranno dipinte sulle tavole da skate, ironicamente a mostrare donne che avanzano senza timore, sensuali, svelte, non solo veloci ma anche moderne, intraprendenti e scattanti. Le tavole saranno riprodotte in numero limitato e riservate al mercato del collezionismo, mentre le originali dipinte da artisti emergenti e affermati, esponenti della Street Art, saranno parte di una collezione d'azienda raccolta per avviare attività no profit, da realizzarsi a sostegno d'iniziative rivolte maggiormente all''educazione di bambini e adolescenti. Non di meno, alle manifestazioni saranno integrati programmi culturali indirizzati a un pubblico più adulto, coinvolto per una maggiore integrazione tra le diverse generazioni, al fine di generare maggiori condivisioni e creare momenti d'incontro e dialogo tra genitori e figli. Il progetto culturale è sostenuto dall'associazione sportiva che affianca l'attività commerciale di Kahuna Shop (Roma), e vede la costituzione di un comitato scientifico internazionale costituito da professionisti e accademici impegnati nel settore della cultura urbana (curatori, architetti, artisti, galleristi, economisti).

 

Kahuna | https://www.facebook.com/KahunaRoma | http://www.kahunamovement.com/

Pubblicato in Arte
Stefania Brugnaletti

Sito web: www.awish.it

Architetto e curatrice di progetti di valorizzazione artistica. Fondatrice di a Wish Consultancy agenzia internazionale offre servizi di consulenza nel settore della creatività (architettura-artecontemporanea-moda). E' persona Interculturale plurilingue orientata verso nuovi indirizzi di ricerca. Esperta consulente d'arte è autrice di testi.

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI