Luigi Eugenio Vigevano illustratore di talento e passione

Nello spazio espositivo del Centro Culturale “Cascina Roma” di San Donato Milanese (in Piazza delle Arti, 2), martedì 17 dicembre sarà inaugurata la mostra “disegnare i sogni e scrivere la realtà” nella quale verranno esposte 90 illustrazioni realizzate negli anni 1975-85 dal giornalista e scrittore Luigi Eugenio Vigevano per i periodici della Mondadori.

Luigi-Eugenio-Vigevano

Nello spazio espositivo del Centro Culturale “Cascina Roma” di San Donato Milanese (in Piazza delle Arti, 2), martedì 17 dicembre sarà inaugurata la mostra “disegnare i sogni e scrivere la realtà” nella quale verranno esposte 90 illustrazioni realizzate negli anni 1975-85 dal giornalista e scrittore Luigi Eugenio Vigevano per i periodici della Mondadori. L’esposizione consentirà di scoprire il ruolo di una figura che nel nostro Paese ha avuto una magistrale tradizione, quella dell’llustratore: specie artistica in via d’estinzione perché sostituito dalla fotografia e dalla grafica computer. Ma per comprendere veramente chi fossero gli illustratori occorre tornare con la mente ai primi anni del secolo scorso quando, in Italia, sulle copertine dell’indimenticabile “Domenica del Corriere” Achille Beltrame disegnava i fatti del giorno e le vicissitudini dei nostri soldati nelle trincee del primo conflitto mondiale e, poi, Walter Molino i fatti più significativi della settimana e ad Alesandro Biffignandi  era affidata la realizzazione delle locandine dei film. Per non parlare poi degli autori di fumetti (Dino Battaglia, Sergio Toppi, Gianni Renna, Aldo De Gennaro, …), artisti che, come Luigi Vigevano, di fronte al foglio bianco o davanti alla tela bianca di un quadro hanno provato un momento di piccolo tormento dovuto all’incertezza di individuare il soggetto più confacente all’idea artistica che nella mente prendeva forma ma poi quell’idea ha avuto libero sfogo attraverso la matita o il pennello.

Luigi Eugenio Vigevano, classe 1941, giornalista dal 1967 e pittore da sempre, fin dalle scuole elementari ha mostrato il suo interesse per il disegno illustrando a colori i suoi libri di testo.

La sua carriera professionale di illustratore inizia come vice Art director nell’enciclopedia per bambini “I Quindici” della casa madre americana World Book, con il compito di curarne l’edizione italiana e quella di giornalista, affiancata a quella di illustratore, come redattore di Annabella (Rizzoli) dal 1963 al 1967, che lascerà perché assunto nel settimanale Panorama, che lascerà solo nel 1986. Nella grande Casa Editrice Mondadori ha l’opportunità di collaborare con periodici nazionali, internazionali e illustrare i tanti periodici che, in quegli anni, sfruttavano queste tecniche comunicative. Nel corso del 1986 lascia il gruppo Mondadori per lanciarsi in una nuova sfida, contribuendo, con la qualifica di caporedattore, al miglioramento delle riviste  femminili del gruppo Fabbri Editore e proseguendo la sua attività illustrativa. Nell’anno 1988 viene eletto Consigliere Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, carica che manterrà sino a giugno del 2010. Nel corso dell’anno 1993 ha il compito di gestire le riviste tecnico-professionali della Rizzoli, riuscendo anche in questo settore a imprimere la sua vena artistica e successivamente dirige e collabora a numerose riviste nazionali.

Il valore della sua attività di pittore è testimoniata, tra l’altro, dalla grande deposizione realizzata per la chiesa di via Carlo D’Adda a Milano (1962), dalla pala d’altare conservata nella chiesa Regina Pacis di via Kant a Milano (1969) davanti alla quale Giovanni Paolo II, si è inginocchiato in raccoglimento; le quattro grandi tavole rappresentanti le Repubbliche Marinare realizzate negli  anni ‘70 per un grande albergo di Sestri Levante e dal grande dipinto (m. 5,20x1,40) “Allegoria sul mondo dei giornali” eseguito nel 2009 per la sala “Saro Ocera” del Consiglio Nazionale dei Giornalisti a Roma. L’opera rappresenta l’evoluzione del giornalismo dagli albori sino ai nostri giorni.

Così spiega Vigevano il suo modo di tradurre l’idea in immagine: “Un’attenta lettura del racconto o della notizia e poi la matita che corre veloce sul foglio, il pennello intinto nella follia dei colori che càmpita con magia gli spazi, sviluppando e sintetizzando concetti e storie: ecco nascere l’illustrazione. Da più di cento anni questi disegni hanno allietato la vista e ravvivato la fantasia dei lettori, sostenendo con le immagini notizie o romanzi”. Ai giorni nostri, purtroppo, l’illustrazione è scomparsa dalle nostre aziende editoriali e dalle locandine cinematografiche e, di conseguenza, le opere illustrative di Luigi Vigevano realizzate dal 1975 al 1985, che vengono presentate in questa mostra, appartengono ormai di diritto alla cosiddetta archeologia editoriale. Rappresentano un mondo e un’epoca ormai scomparsa per sempre. L’illustrazione vive ormai solamente sui libri di letture per l’infanzia.  Va anche detto come le imprese editoriali e le riviste autorevoli siano di fatto scomparse, per lasciare il posto a giornali che utilizzano esclusivamente fotografie per illustrare e raccontare tutto, purtroppo non sempre di qualità e prive di quella magia di luce, del taglio compositivo ma soprattutto di quella poesia che albergava nelle opere degli illustratori del passato. Nel corso della mostra, il 10 gennaio alle ore 21, Luigi Vigevano condurrà un incontro sul tema “Evoluzione del metodo di stampa nei giornali”. (nella foto, illustrazione per l’apertura della Sezione Scienza su Panorama dell’11 gennaio 1977, quando non circolavano ancora foto di navicelle spaziali)

Alberto Esposito

 

Pubblicato in Arte

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI