Pale d'Altare, progetto site specific, al MAP di Brindisi

In concomitanza con l'edizione 2013 delle Giornate Europee del Patrimonio il MAP, il Museo Mediterraneo dell’Arte Presente di Brindisi, prosegue l'originale progetto site specific Pale d’altare al Map, con il secondo appuntamento in ordine di tempo, presentando tre quadri ad olio di grandi dimensioni dipinti per gli antichi altari della chiesa di San Michele Arcangelo dall'artista Cosimo Epicoco. 

locandina--epicoco-

In concomitanza con l'edizione 2013 delle Giornate Europee del Patrimonio il MAP, il Museo Mediterraneo dell’Arte Presente di Brindisi, prosegue l'originale progetto site specific Pale d’altare al Map, con il secondo appuntamento in ordine di tempo, presentando tre quadri ad olio di grandi dimensioni dipinti per gli antichi altari della chiesa di San Michele Arcangelo dall'artista Cosimo Epicoco. Le tre Pale d’altare al Map di Cosimo Epicoco, fanno parte delle ricerche pittoriche più recenti, dove prevale la simbolica colorazione rossa dell'artista salentino, come quelle delle tele esposte in estate al Chiostro del Bramante di RomaUn' esposizione che celebra attraverso le esclusive opere d'arte contemporanea un luogo cultuale e di cultura, qual è la chiesa brindisina di San Michele Arcangelo, rendendola fruibile a tutti sino alla mezzanotte di sabato 28 settembre. 

Al di là, L’insostenibile gravità terrena e Il male è vinto sono tre opere - variano dai due ai tre metri di altezza- che tra sacro e profano parlano della vita, della spiritualità, del credo; com'è nelle  cifre poetiche di Cosimo Epicoco toccano problematiche odierne, la fragilità, la rassegnazione, i valori della vita, invitano alla riflessione. Tecnicamente le sue raffigurazioni nascono da elaborazioni di fotografie digitali che magistralmente traduce nella sostanza pittorica in lunghe sedute di stesura: ora fa apparire evanescenti figure, celate da una sottile coltre rossa, ora omaggia la scomparsa di un caro amico, la cui scelta è delineata metaforicamente da un' improbabile alternativa a librarsi, fluttuante, nel rosso oppure, infine, coglie lo spunto per ritornare alla antica intitolazione della chiesa brindisina con un iconografia classica, che suggerisce la figura dell'arcangelo guerriero Michele, quale il bene vittorioso sul male, un pezzo di straordinaria qualità formale e pittorica.

Le tre pitture di Epicoco seguono l'indirizzo curatoriale di Massimo Guastella, che attraverso i progetti site specific Pale d’altare al Map prodotti da CRACCsrl dell'Università del Salento, intende porre l'attenzione alla coesistenza di molteplici linguaggi visivi della contemporaneità aggiungendoli alle notevoli tracce storico-artistiche della chiesa, per una fruizione, valorizzazione e promozione culturale congiunta di passato e presente, che renda il Museo Mediterraneo dell'Arte Presente di Brindisi un contenitore vivo e vitale, elemento di richiamo per il territorio e non solo per il mondo dell'arte contemporanea. 

Pubblicato in Arte

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI