Parigi e i luoghi dell'arte | Itinerari d'autore : Galerie RX a Ivry-sur-Seine

Parigi e i luoghi dell'arte | Itinerari d'autore : Galerie RX a Ivry-sur-Seine
Aperta nel 2002, la Galleria RX è gestita con successo crescente da due giovani francesi: Eric Dereumaux e Eric Rodrigue (co-fondatori).

Nel 2012, dopo l'avvio della brillante attività svolta presso la galleria parigina, che ha sede al numero 6 dell'avenue Delcassè (VIII° arrondissement), e che ha visto partecipare diversi attori della scena artistica mondiale, avviene il passo decisivo che consacra il loro operato, e proietta l'attività sul palcoscenico internazionale: alla porte della capitale di Francia viene inaugurano il loro nuovo spazio interamente dedicato all'arte contemporanea.

Ubicata nel cuore di Ivry-sur-Seine, distretto urbano a prevalente sviluppo industriale situato alle porte di Parigi, la seconda sede della galleria RX dista solo una manciata di minuti dalla Biblioteca Nazionale di Francia. Porta la data dei primi anni del Novecento, quest'affascinante architettura industriale che ospita la sede dedicata a un'insolita residenza per artisti (ex-officina Ampere, edificio di rilevante importanza storica, inaugurato nel 1923, e testimonianza di un sito industriale che ospitava un laboratorio di ricerche in campo energetico condotto, allora, da Frédéric e Irène Joliot-Curie -Premio Nobel 1935- e che vide passare personalità come Gustave Eiffel e il fisico italiano Bruno Pontecorvo).  L'insieme della costruzione si sviluppa su una superficie di oltre 1.500 mq, distribuiti sui tre livelli dell'edificio. Appena varcato il portone d'ingresso, al piano rialzato, l'organismo presenta una grande sala espositiva, di oltre 600 mq, che si offre come una vasta piattaforma aperta, protesa con sviluppo a tutt'altezza verso il tetto, per ben 14 metri. Al suo interno l'insieme dispone di: uffici, una galleria espositiva, alcune sale ad uso comune (cucina e salotto) e di tre appartamenti riservati agli artisti. Provenienti da ogni parte del mondo, a cicli di tre mesi, tre artisti possono trascorrere qui un periodo di lavoro, seguendo specifici progetti studiati in collaborazione con i curatori della struttura. Alla fine di ogni residenza all'artista è dedicata un'esposizione che coinvolge anche la galleria ubicata nel cuore di Parigi, nei pressi della famosa avenue Matignon.

L'ex-laboratorio era un luogo speciale, contraddistinto dalla presenza di un gigantesco generatore d'impulsione a raggi X, salvato grazie all'intervento della Fondazione EDF e che, oggi, classificato monumento nazionale, è conservato presso il museo Electropolis de Mulhouse. I galleristi rilevando l'intero stabile hanno deciso di lasciare l'impianto edilizio come inizialmente concepito: lo spazio libero si apre al piano terra-rialzato sulla grande sala centrale che ospita alcuni boxes-containers (in uso per lo stoccaggio delle opere d'arte). Costruiti grazie ad un design innovativo e originale, con materiali ecosostenibili, i pannelli lignei di recupero sono assemblati ad elementi moderni in acciaio. Dotati al proprio interno d'impianti elettrici e audio-visivi, duttili, essi si trasformano in originali piccole sale espositive che, distribuite lungo il fondo della grande sala, costituiscono elementi di percorsi espositivi mutevoli, di volta in volta, in occasione di eventi culturali organizzati secondo le esigenze delle presentazioni dei singoli progetti realizzati in sito.

Eric Dereumaux e Eric Rodrigue sono parte di quella generazione di emergenti galleristi che pian piano si stanno affermando a livello globale. Rappresentano diversi artisti internazionali, alcuni dei quali di fama mondiale come ad esempio il fotografo coreano Bae Bien-U, uno dei massimi esponenti della fotografia contemporanea. Non di meno, nell'elenco degli artisti presenti nella 'scuderia' della galleria spiccano i nomi di Du Zenjus -artista multidisciplinare cinese (1961, Shanghai) che privilegia maggiormente l'uso del video, attraverso il quale crea installazioni interattive per trasmettere messaggi e riflessioni sulla società contemporanea-, e del francese Georges Rousse (1947, Parigi), specializzato nella fotografia delle architetture abbandonate che fa rivivere grazie alla sua magistrale opera -applicando diverse sperimentazioni alla fotografia e pittura, spazia tra le due discipline donando nuovo vigore a architetture dismesse che sono investite da nuovi progetti concettuali.

Allo scoperta di stimolanti itinerari d'autore questi due indirizzi, oggi, a Parigi rappresentano un nuovo punto d'incontro, per conoscere una dinamica filosofia che spinge a 'generare' arte  contemporanea grazie a innovativi ed 'energici impulsi vitali'.

 www.galerierx.com

Pubblicato in Arte
Stefania Brugnaletti

Sito web: www.awish.it

Architetto e curatrice di progetti di valorizzazione artistica. Fondatrice di a Wish Consultancy agenzia internazionale offre servizi di consulenza nel settore della creatività (architettura-artecontemporanea-moda). E' persona Interculturale plurilingue orientata verso nuovi indirizzi di ricerca. Esperta consulente d'arte è autrice di testi.

Fotonews

Premio Socrate 2021

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI