Pinocchio a matita di Francesca Perrotta

Immagini e parole che ci fanno viaggiare nella storia del burattino di Collodi e ripercorrono tutti i chiaroscuri della sua avventura umana. Un Pinocchio che alterna il suo essere burattino e bambino, che esprime emozioni e pensieri urgenti e attuali.

ALLOSTERIA-OPERA-FRANCESC

Immagini e parole che ci fanno viaggiare nella storia del burattino di Collodi e ripercorrono tutti i chiaroscuri della sua avventura umana. Un Pinocchio che alterna il suo essere burattino e bambino, che esprime emozioni e pensieri urgenti e attuali.

In questa fase di crisi dei valori umani, dove l’inganno viene premiato e la frode finalizzata a sfruttare gli esseri più deboli vince, torna ad essere d’attualità la vicenda fantastica di Pinocchio.

La mostra “Pinocchio a Matita” rievoca il mito del burattino diventato bambino attraverso trentotto illustrazioni realizzate da Francesca Perrotta, tra il 2011 e il 2013. L’artista romana traduce in immagini le “Avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, cogliendo nella storia alcuni momenti essenziali dell’evoluzione del personaggio.

La mostra nasce da una collaborazione con la Biblioteca Nazionale e vuole essere anche un’iniziativa di promozione e riscoperta di questo testo classico. All’interno della struttura l’allestimento rimarrà visibile dal 26 febbraio al 30 marzo 2014, con inaugurazione mercoledì 26 febbraio alle ore 17.00.

L’esposizione propone i disegni su carta concepiti dall’artista per il volume “Pino con occhio”, auto prodotto nell’aprile del 2013. “L’amore per la «verità», per il messaggio di Pinocchio, che in alcuni libri per l’infanzia (almeno in quelli che avevo letto da piccola) e nei cartoni animati, viene a mancare nella sua sfaccettata articolazione, mi ha spinto a un lavoro artistico, di ricerca grafica e scrittura che è confluito nella pubblicazione del libro.” Il testo racconta la storia di Pinocchio dal punto di vista del protagonista: inserendo nella narrazione considerazioni e pensieri del burattino ormai divenuto ragazzo.

I fili che Carlo Collodi ha lasciato con questo classico offrono più piani di lettura e interpretazioni e tracciano un percorso che ci porta a riconoscere l’attualità di questo personaggio, come spiega l’autrice delle tavole: “le prove che il protagonista deve affrontare nelle sue avventure somigliano a quelle che oggi troviamo sul nostro cammino.

Il noviziato di Pinocchio risuona nel nostro immaginario e ci suggerisce possibili strategie evolutive. Questa storia è un mito moderno, che ci prepara per un mondo futuro”.

La Mostra è anche occasione per la Biblioteca Nazionale per esporre alcune tra le molte edizioni illustrate di Pinocchio che fanno parte del suo patrimonio librario.

La storia di Pinocchio ha colpito da sempre la fantasia di grandi artisti che hanno contribuito alla celebrità del libro: dalla prima edizione in volume pubblicata nel 1883 dalla Libreria Editrice Felice Paggi ed illustrata da Enrico Mazzanti, alle successive edizioni italiane, impreziosite dalle immagini di artisti come Mattioli, Galizzi, Rubino, Frezzato, Faorzi, Luzzati, Jacovitti, Cambellotti, Chiostri, Mussino, Innocenti e molti altri ancora.

 

 

Pubblicato in Arte

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI