Progetto Espositivo MUSEUM ON/OFF | "BANKRUPT ARTISTS. Lesson n. 7"

Progetto Espositivo MUSEUM ON/OFF | "BANKRUPT ARTISTS. Lesson n. 7"
Venerdì 29 aprile, alle ore 19, a Parigi presso Le Centre Pompidou, l'artista albanese Driant Zeneli e la curatrice italiana Francesca Napoli hanno tenuto una Performance-Lecture dal titolo "Bankrupt Artists. Lesson n. 7".

 

La performance è stata ospitata all'interno del nuovo spazio espositivo "Galerie 0-Espace Prospectif", inaugurato lo scorso 12 aprile e riservato a varie forme di creazione artistica. Situato nel cuore del museo, accanto alla galleria dedicata alle collezioni d'arte contemporanea, questo nuovo ambiente copre una superficie di circa 400 mq. Nato dal desiderio di Serge Lasvignes, i cui indirizzi strategici sono orientati verso nuove ricerche, il neonato spazio espositivo si presenta come una sorta di "prospettiva" che guarda in avanti e affronta l'emergenza artistica. Qui, si invita il pubblico a scoprire progetti inediti e sperimentali realizzati da singoli artisti o da gruppi di artisti; si introducono nuovi metodi di produzione e nuove forme d'arte prendono vita all'incrocio tra le diverse discipline. Riflessione e dibattito, dunque, in sintonia con le questioni sollevate dalle arti visive nelle proprie componenti correnti; luogo di confronto d'idee, spettacoli e conferenze, tutti eventi cadenzati da cicli di programmi in continua evoluzione. Il primo progetto espositivo sperimentale dal titolo MUSEUM ON/OFF è curato da Alicia Knoch (13 aprile-13 giugno), e si  presenta come una piattaforma interattiva distribuita lungo diverse postazioni ideate da diversi artisti. In questa cornice, all'interno della sala "Intern Vip Lounge", l'artista albanese Driant Zeneli e Francesca Napoli, curatrice italiana indipendente, hanno dato luogo alla loro performance-lecture.

 

 "Essere un artista vuol dire fallire, come nessun altro osa fallire: questo fallimento è il suo mondo.."

 

 (Samuel Beckett)

Il progetto nasce nel 2008, quando l'artista Driant Zeneli chiede al suo vecchio professore dell'accademia di belle arti di ospitare all'interno del suo corso un seminario sul tema dell'artista fallito. Preoccupato per l'impatto negativo che tali lezioni possano avere, tanto sulla propria immagine quanto su quella dell'artista trattato, il professore dopo una prima lezione annulla il seminario. Il progetto ideato da Driant si presenterebbe, quindi, al suo debutto già come un fallimento. L'artista, però, non si perde d'animo : "... Il fallimento è una sfida, pertanto a ogni fallimento è necessario opporre un'alternativa..." Driant continua, così, a proporre il suo programma trovando consensi che lo porteranno a esibire lezioni itineranti in luoghi diversi : Università IUAV di Venezia (2009); Accademia di Belle Arti Albertina (Torino); Klee Barabino, Scuola di Belle Arti di Ginevra (2013). Le lezioni itineranti si tengono in differenti nazioni e in diverse lingue. Obiettivo del ciclo delle lezioni-performance è insegnare il tema del fallimento nelle scuole d'arte, e Driant Zeneli è riuscito a realizzare il suo progetto.

 

La performance inizia con una lezione: si tratta di una presentazione aperta dal curatore o curatrice di turno, i quali prendendo ad esempio alcuni artisti, scelti tanto nel passato quanto nel presente, ne analizzano il personale fallimento. Driant, lanciata poi una domanda, interagisce direttamente con il pubblico. Il lavoro consiste anche nel filmare e raccogliere testimonianze che sono a loro volta produzione artistica in evoluzione da orientare verso progetti futuri.

 

Driant Zeneli, nato nel 1983 a Shkoder (Albania), ha rappresentato l'Albania alla 54esima edizione della Biennale di Venezia, e come riconoscimento alla sua carriera ha già ottenuto: nel 2008, il "Premio ONUFRI Internazionale d'Arte Contemporanea" (Tirana) e, nel 2009, lo "Young European Artist Award Trieste Contemporanea" (Trieste).

 

Francesca Napoli è curatrice e storica d'arte. Italiana, da alcuni anni è di base a Parigi, dove vive e lavora. A livello internazionale, collabora con le maggiori istituzioni dedicate all'arte contemporanea.

Pubblicato in Arte
Stefania Brugnaletti

Sito web: www.awish.it

Architetto e curatrice di progetti di valorizzazione artistica. Fondatrice di a Wish Consultancy agenzia internazionale offre servizi di consulenza nel settore della creatività (architettura-artecontemporanea-moda). E' persona Interculturale plurilingue orientata verso nuovi indirizzi di ricerca. Esperta consulente d'arte è autrice di testi.

Fotonews

Premio Socrate 2021

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI