Sidival Fila - Le Pieghe della Luce

    Mercoledì 4 aprile 2012 alle ore 18 inaugura presso la Ex GIL  di Roma, spazio espositivo e convegnistico della Regione Lazio, la mostra Sidival Fila - Le Pieghe  della Luce.

le-pieghe-della-luce

Mercoledì 4 aprile 2012 alle ore 18 inaugura presso la Ex GIL  di Roma, spazio espositivo e convegnistico della Regione Lazio, la mostra Sidival Fila - Le Pieghe  della Luce (a cura di Carlo Ciccarelli e Silvia Pegoraro).
Promossa dall’Assessorato alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio, la mostra resterà aperta fino al 20 aprile. Saranno esposte una trentina di opere dell’artista italo-brasiliano Sidival Fila (Stato di Paranà, Brasile, 1962), che è tra i migliori esponenti attuali della linea di ricerca “spazialista” inaugurata da Lucio Fontana, e dall’inizio degli anni ’90 fa parte dell’Ordine dei Frati Minori di San Francesco d’Assisi. Dopo aver rinunciato all’attività artistica per circa diciotto anni, solo nel 2006 Fra’ Sidival ha ripreso a dipingere, maturando una propria inconfondibile cifra stilistica, rigorosa e insieme drammaticamente espressiva, che approfondisce la problematica relativa allo spazio edalla sua corporeità. In chiusura della mostra uscirà  una monografia che documenterà le opere di Sidival Fila installate negli storici spazi della Ex GIL, così da valorizzare anche l’edificio, realizzato dall’architetto Luigi Moretti nei primi anni ’30, considerato uno dei più importanti esempi di Razionalismo nell’architettura italiana ed europea del Novecento.

Sidival Fila si autodefinisce “pittore informale”, e dell’arte informale conserva in effetti un amore profondo per l’intensità lirica  della materia, al quale unisce però un’altrettanto profonda essenza strutturale, concettuale e spirituale. “Nessun taglio, stile Fontana – afferma l’artista – anche se lui è stato tra i miei ispiratori, con Burri e Manzoni. Le mie sono piuttosto introflessioni”. Infatti le pieghe sulle tele antiche e a grossa trama che Fra’ Sidival usa per realizzare le sue opere sono tra i suoi strumenti espressivi privilegiati. Gilles Deleuze, rileggendo Leibniz in un suo bellissimo libro (La piega. Leibniz e il barocco), ripercorre la sua “teoria del continuo”: ciò che non si frammenta in parti, ma si avvolge in un’infinità di pieghe. Questa materia-piega, che si curva infinitamente, e che ritroviamo nel lavoro di Sidival Fila, è la materia-tempo, ed è la materia-vita, per la sua struttura organica, quasi “muscolare”. Anche se si tratta di arte “astratta”, e le figure sono assenti, si è accompagnati dalla sensazione di una corporeità traslata: non visibile in figura, ma sensibile nel tattilismo, nella serpeggiante tensione tra sostanza materica e struttura volumetrica. E’ identità materia-percezione-pensiero, in una perenne circolazione di energia che lo sviluppo spaziale del colore, nelle sue infinite variazioni, rappresenta.  L’intensità metamorfica del colore è rafforzata da fitte trame di fili che vanno a “ricucire” le pieghe, come se si trattasse di ferite originarie da sanare.
Ferite, però,  sottratte ad ogni lacerazione “espressionistica”, ed elevate a un’inattaccabile dimensione simbolica, anche grazie a una totalizzante esperienza spirituale e religiosa. Una dimensione in cui la concezione della materia come corpo e come carne  non può prescindere dall’Incarnazione di Cristo come fondamento di tutta la storia dell’arte occidentale.

Pubblicato in Arte
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

ANA presenta I musei di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI