# Street Culture | A Parigi l'arte di strada è di scena alla Galerie Mathgoth

Jace Pont des Arts Jace Pont des Arts
Sul finir dell'autunno 2015, i riflettori sono ancora puntati sulla galleria Mathgoth la cui attività, durante l'intera recente stagione autunnale, ha saputo coinvolgere un vasto pubblico internazionale. Lanciate una serie d'iniziative culturali e artistiche, all'interno sia dei propri spazi espositivi sia lungo alcune strade parigine, il team della galleria ha intervallato mostre espositive a interventi murali eseguiti sugli edifici da diversi artisti di strada.

Da anni la Galerie Mathgoth è impegnata alla promozione dell'arte urbana: sostiene numerose attività culturali che contano anche dell'appoggio delle autorità locali e, in particolar modo, tra queste è decisivo il partenariato con la Marie del 13esimo arrondissement. L'operato della galleria ha consentito il diffondersi di questa nuova cultura urbana, e la sensibilità mostrata verso il tema specifico ha permesso la messa in opera di un vero e proprio museo di Street Art a cielo aperto, il cui percorso espositivo si snoda lungo l'intero quartiere.

I murales sono una delle attività più impegnative della galleria, e trasformano la strada e la piazza in una vera e propria 'scalata' sui muri degli edifici, per arrampicate artistiche che consentono lo sviluppo della cultura di strada attraverso interventi sulle pareti metropolitane che sono veri e propri capolavori, e che oltre che alla bellezza dei dipinti in sé riescono a trasmettere anche chiari messaggi socio-educativi.

Spesso, in occasione dell'inaugurazione, l'evento culturale si trasforma in una sorta di 'festa artistica' che raduna intorno all'opera la comunità circostante, talvolta, offrendo musica di strada e animate esibizioni di skaters. Il quartiere in questo modo accoglie maestose opere, vivaci tavolozze di colori che si plasmano sulle pareti degli edifici, offrendo libero accesso all'arte tra le vie che accolgono un mercato rionale o i negozi di prima necessità, così come anche le botteghe artigianali e le piccole boutiques.

Un evento aperto non solo agli esperti della cultura di strada ma rivolto anche ai principianti, e si iscrive come un approccio intergenerazionale per aprire gli occhi alla libertà artistica. Un'opportunità per educare, che nei giorni di performance aiuta a scoprire artisti e ad ascoltare le voci silenziose delle pareti urbane che grazie al loro operato si animano di messaggi condivisi con la collettività. L'interesse è in crescita, e l'evento in sé fornisce servizi culturali di migliore qualità.

Molte sono le commissioni pubbliche a firma di artisti di fama internazionale che si esibiscono in questo quartiere (tra cui Shepard, C215, Jace, Jorge Rodriguez-Gerada, e molti altri), con performances pittoriche dal vivo che proiettano sulle facciate vere e proprie missive. E proprio dal gigantesco murale di Jorge si eleva verso il cielo una nota di pace. Recentemente realizzato e inaugurato il 31 ottobre scorso, alla presenza dell'artista, il murales è ispirato dalla moglie, il cui sguardo rappresentato qui sul muro in mattoni rossi, al 63 della rue Nationale, è pieno di amore dedicato a Parigi.

Altrettanto entusiasmante è anche l'ultima realizzazione di Jace (luglio 2015), al civico 59 della rue de Moulinet, artista che è anche, ancora per qualche giorno, in mostra presso la sede della galleria con CLOCHES DE JACE, esposizione inaugurata il 28 novembre 2015, alla presenza dell'artista, che ha riscosso un notevole successo (fino al 24 dicembre 2015). Le opere realizzate dall'artista per questa speciale occasione presentano una serie di foto scattate durante i suoi viaggi: stampate su tela sono popolate, con l'aiuto del suo solito humour, da un mondo di Gouzou, (piccoli personaggi antropomorfi, delineati da chiare linee, sempre presenti nei sui graffiti urbani).

Quest'ultima esposizione chiude il ciclo autunnale di rassegne riservate al collezionismo di arte urbana. Le attività culturali riprenderanno nel mese di gennaio 2016, con un programma che si annuncia altrettanto stimolante per il collezionismo dell'arte urbana.

Per maggiori informazioni: galleria Mathgoth 

 

 

 

Pubblicato in Arte
Stefania Brugnaletti

Sito web: www.awish.it

Architetto e curatrice di progetti di valorizzazione artistica. Fondatrice di a Wish Consultancy agenzia internazionale offre servizi di consulenza nel settore della creatività (architettura-artecontemporanea-moda). E' persona Interculturale plurilingue orientata verso nuovi indirizzi di ricerca. Esperta consulente d'arte è autrice di testi.

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI