Take Me Anywhere, in viaggio con Alice Pasquini

Take Me Anywhere, in viaggio con Alice Pasquini
Di rientro da un viaggio di “formazione” a Singapore, Indonesia e in Vietnam, Alice Pasquini torna a Roma, sua città natale, con l’esposizione “Take Me Anywhere” alla Galleria Varsi che, dal 28 novembre al 23 gennaio, presenta per la prima volta in mostra le sue opere su carta.

Una selezione di sketch per ripercorrere il suo cammino artistico, a partire dagli esordi, come pagine di un diario intimo, dove annotare ogni emozione, avvenimento o incontro importante fatto durante gli innumerevoli viaggi.

Sketch è la parola chiave della mostra, dove umanità e segno architettonico convivono incessantemente, le atmosfere urbane che Alice disegna su carta permettono al soggetto di integrarsi spontaneamente nello scenario cittadino, che successivamente incontrerà. Questo incantesimo avviene grazie a una continua e attenta ricerca contestuale portata avanti dall’artista dal principio del suo percorso. Gli sketch vengono realizzati principalmente durante le lunghe tratte percorse per attraversare il mondo, di città in città. Alice impressiona su carta i tratti dei volti delle persone che la colpiscono e le suggestioni vissute, creando un archivio di personaggi e mondi.

Gli sketch sono accompagnati da un’istallazione che aiuterà il pubblico a capire quanto intima e emotiva è la raccolta presentata: il viaggio è un grande contenitore di sensazioni e persone, alimenta la ricerca più rappresentativa dell’artista, basata sul confronto e lo scambio. Gli sketch saranno accompagnati anche da un catalogo curato da Marta Gargiulo e dalla stessa Galleria Varsi.

Vera cittadina del mondo, Alice Pasquini da oltre un decannio dipinge legalmente o non, da sola e in compagnia di altri artisti di fama internazionale, in progetti comuni, festival o su commissione. Le sue opere - pubbliche di enormi o piccole dimensioni - sono disseminate negli angoli nascosti di decine di città, da Sydney a Melbourne, da Londra a Parigi, da  Milano a Mosca, da Barcellona a Oslo, vantando collaborazioni con marchi importanti come Nike, Range Rover, Toyota, Microsoft, Gazzetta dello Sport. 

“Take Me Anywhere” è un invito a lasciarsi trasportare dalle immagini e dai volti dipinti su fogli o carta di giornale dall’artista, perché come diceva Marcel Proust: «Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi».

 

Pubblicato in Arte

Fotonews

Ultimo saluto a Raffaella Carrà

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI