Al via il governo M5S-Lega

Giuseppe Conte Giuseppe Conte Marco Ravagli
A 88 giorni dal voto del 4 marzo è stata raggiunta l'intesa per la nascita del governo M5S-Lega. 
Luigi Di Maio e Matteo Salvini al termine di un vertice di quasi quattro ore sul riordino delle cariche da assegnare ai vertici dei ministeri dichiarano che "Ci sono le condizioni per un esecutivo politico”.
E poco prima delle 22 Giuseppe Conte al Colle accetta l'incarico e presenta la lista dei ministri: "Lavoreremo con determinazione per migliorare le condizioni di vita di tutti gli italiani", ha detto. Alla fine poche parole di ringraziamento anche da Mattarella: "Si è concluso un itinerario complesso, buon lavoro a tutti", dice visibilmente rasserenato.
 
Queste le posizioni chiave del futuro governo: all'Economia il professor Giovanni Tria, presidente della Scuola nazionale dell'amministrazione e professore ordinario di economia politica all'università di Tor Vergata; agli Esteri Moavero Milanesi; per l'economista Paolo Savona - l'uomo che domenica sembrava aver fatto saltare tutto -  il dicastero delle Politiche comunitarie. Alla Difesa Elisabetta Trenta, in quota M5S. Come previsto ormai da settimane, a Matteo Salvini andrà il ministero dell'Interno. A Luigi Di Maio il Lavoro e lo Sviluppo economico. Entrambi saranno vicepremier. 
Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI