Aldo Moro, quarantadue anni dal giorno più triste del nostro Paese

Il ritrovamento del cadavere di Aldo Moro, in via Caetani il 9 Maggio 1978 Il ritrovamento del cadavere di Aldo Moro, in via Caetani il 9 Maggio 1978 Foto © Maurizio Piccirilli
42 anni fa, il 9 maggio 1978, in via Caetani a Roma veniva trovato il cadavere dell'on. AldoMoro nel cofano di una Renault4.

L'Archivio Riccardi conserva migliaia di immagini che ritraggono l'on. Moro, dai primi incarichi governativi, vari giuramenti, comizi e incontri internazionali, fino ad arrivare alle foto del terribile  16 marzo 1978, quando Maurizio Riccardi fu inviato dal padre Carlo a documentare il massacro avvenuto poche decine di minuti prima a via Fani, dove persero la vita i cinque uomini della scorta del presidente della DC, per mano delle brigate rosse.
42 anni fa, accovacciato in un mezzanino in via Caetani, un altro fotografo attendeva che la polizia, accorsa sul posto, aprisse il cofano della Renault4, dopo aver impedito a chiunque di percorrere la strada, bloccando gli accessi e allontanando i curiosi.
Maurizio Piccirilli immortala quel momento, regalando al mondo, attraverso le sue immagini, l'epilogo del periodo più triste e oscuro della nostra Repubblica.

Due anni fa, nel 2018, a quarant'anni dal triste evento, l'Archivio Riccardi in collaborazione con l'agenzia fotografica AGR e l'Istituto Quinta Dimensione, ha voluto celebrare lo statista, contrapponendo questo spaccato di storia, alle immagini vitali dell'uomo Aldo Moro realizzate in tanti anni dal grande Carlo Riccardi.

Aldo Moro. Memoria, politica, democrazia, questo è il titolo scelto per la mostra fotografica che Maurizio Riccardi e Giovanni Currado hanno curato con l’allestimento progettato dall’architetto Fabrizio Confessa.

La mostra è stata inaugurata per la prima volta a Lecce, il 9 maggio 2018, raggiungendo in seguito il pubblico di numerose province italiane. Le foto hanno avuto l'onore di essere esposte alla Camera dei deputati, dove hanno raccolto il plauso entusiasta di esponenti delle istituzioni che hanno potuto ammirare e constatare il meticoloso studio delle numerose immagini e della loro lettura storica.

La mostra centra il racconto partendo dalle foto più famose di Aldo Moro, che lo ritraggono accovacciato e sconfitto, senza purtroppo rappresentarlo minimamente. I libri di Storia da prima, i new-media recentemente non possono non raccontare quei giorni. E non possono non farlo attraverso quelle foto.
Ma la storia di Aldo Moro, secondo noi, secondo chi lo ha conosciuto, studiato e seguito non può e non deve ridursi a quelle due immagini.

La mostra fotografica ripercorre quindi la vita politica del presidente della Dc attraverso le foto di Carlo Riccardi, decano dei fotoreporter romani proseguendo con le immagini di Maurizio Riccardi, figlio di Carlo, e di Maurizio Piccirilli.

Con i tre importanti fotografi ha collaborato Giovanni Currado, giornalista e fotografo che ha coordinato la ricerca iconografica, il restauro delle immagini e raccolta di impressioni, commenti e contributi da parte di personaggi del mondo politico, culturale e giornalistico che completeranno il catalogo della mostra.
 
Nel 1978 sono bastate due Polaroid a cancellare la vita di un personaggio non di secondo piano, come Aldo Moro, il quale, con l’aiuto dei media, – ha dichiarato in diverse occasioni Giovanni Currado – ha subìto così un secondo omicidio. Poter visionare centinaia di fotografie che ritraggono Moro – continua Currado – nel corso del suo impegno politico e in molti casi analizzarne i particolari per via del restauro, ha fatto crescere la consapevolezza che la riscoperta di Aldo Moro, ovvero la riscoperta della sua vitalità, attraverso le immagini che lo vedono combattivo e sorridente, concentrato o impacciato, possa servire per ricordare l’uomo e non la vittima, per ricordare quello che era riuscito ad ottenere, mostrando alle future classi dirigenti che la soluzione a molti dei problemi passa dal semplice confronto e dal dialogo con l’avversario politico".

A corredo della mostra "Aldo Moro. Memoria, Politica, Democrazia" è stato realizzato anche il catalogo omonimo, edito da Agr Edizioni, curato da Maurizio Riccardi e Giovanni Currado. Composto da 245 pagine che raccolgono oltre 150 fotografie, molte delle quali inedite, che vengono accompagnate da commenti e testimonianze di personaggi noti della cultura, della politica e del giornalismo italiano tra cui: Tommaso Labate, Luca Telese, Stefano Folli, Anna Maria Furlan, Enrico Cisnetto, Andrea Purgatori, Luciano Conte, Marco Damilano, Paolo Naccarato, Nicolò Amato, Vincenzo Scotti, Antonio Catricalà, Marco Bentivogli, Luigi Bisignani, Ulderico Piernoli, Pierluigi Battista, Mario Mori, Carlo De Stefano e Antonio Marini.
 
La mostra si completa con un video che ripercorre le strade di Roma protagoniste di quei 55 giorni, commentati dai magistrati, carabinieri, poliziotti e giornalisti che vissero quei tragici eventi.

Al seguente link è possibile visionare il progetto della mostra: PROGETTO

Mentre sul sito archivioriccardi.it sono presenti tutte le foto della mostra.
https://www.archivioriccardi.it/gallery/rapimento-aldo-moro-via-fani-16-marzo-1978-189/
https://www.archivioriccardi.it/gallery/moro-aldo-49/

Video

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI