Arpinge Spa, il circolo virtuoso tra previdenza ed economia reale

Giuseppe Santoro e Federico Merola Giuseppe Santoro e Federico Merola M. Paoloni © Agr
Uno “sblocca-cantieri” privato ispirato alle migliori esperienze internazionali che inverte il paradigma pre-crisi, ponendo la finanza al servizio dell’industria. Ecco in breve la carta d’identità di Arpinge SpA, nuova società di investimento in Infrastrutture e Immobiliare che opera nella logica del project financing.

Non si tratta, dunque, di un semplice fondo immobiliare, infrastrutturale o strategico, ma di una società per azioni, costituita secondo i canoni di governance basati sulle migliori esperienze internazionali, operativamente flessibile e con un orizzonte di investimento coerente con il proprio ambito di attività. Costituita dalle casse di previdenza delle professioni tecniche del territorio - geometri (Cipag – Presidente Fausto Amadasi), periti industriali (Eppi – Presidente Valerio Bignami), ingegneri e architetti (Inarcassa – Presidente Paola Muratorio) – guidata dal Presidente, Giuseppe Santoro e dall’amministratore delegato Federico Merola, Arpinge è aperta ad altri investitori istituzionali e previdenziali che ne condividano obiettivi e valori.

Il progetto nasce innanzitutto dalla consapevolezza delle significative opportunità associate all’impiego di risparmio previdenziale in capitale fisso produttivo, secondo una logica da promotore industriale analoga a quella di illustri esempi esteri di successo che hanno dimostrato i significativi benefici di questa impostazione per gli investitori e per l’economia reale”, spiega l’amministratore delegato della Società, Federico Merola. 

“Arpinge si presenta solo oggi, dopo alcuni mesi di attività – aggiunge Federico Merola - invertendo la consuetudine nazionale dell’effetto annuncio: il CdA della Società ha preferito sperimentare prima il proprio innovativo modello di business e sondare il mercato, in modo da verificare i risultati dell’iniziale attività di scouting, concentratasi su progetti solidi, con cantieri bloccati da crisi finanziarie o carenza di finanza per lo sviluppo”. 

Nell’immediato, con 15 progetti in fase più avanzata di analisi e trattativa – equamente ripartiti tra infrastrutture e immobiliare e con una rilevante quota greenfield – è attivabile un investimento complessivo di circa 140 mln di euro, di cui 50 mln di euro di competenza Arpinge, con la possibilità di sbloccare i primi cantieri entro la fine dell’anno.

I settori principali coprono energia; parcheggi; reti gas; residenze sanitarie assistite; scuole; logistica; immobili in fase di privatizzazione. Potenzialmente rilevante è anche l’investimento in efficienza energetica. La natura di Arpinge fa prevalere il ruolo di promotore industriale, anche in partnership con operatori affidabili e allineati.

  • Federico Merola 6427
  • Autore: Marino Paoloni © Agrpress
  • Federico Merola e Franco Bassanini 7635
  • Autore: Marino Paoloni © Agrpress

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI