“Berlusconi ineleggibile”: Micromega lo grida in piazza

Mentre Piazza del Popolo ha ospitato la manifestazione del Pdl in difesa del proprio leader, in Piazza Santi Apostoli, Micromega ha indetto un altro appuntamento, di ben altro livello, per chiedere al nuovo governo di votare l’ineleggibilità dell’ex presidente del Consiglio in nome della legge 361 del 1957.

berlusconi-ineleggibile-micromega

Mentre Piazza del Popolo ha ospitato la manifestazione del Pdl in difesa del proprio leader, in Piazza Santi Apostoli, Micromega ha indetto un altro appuntamento, di ben altro livello, per chiedere al nuovo governo di votare l’ineleggibilità dell’ex presidente del Consiglio in nome della legge 361 del 1957.

“Si può vincere” – ha dichiarar Paolo Flores D’Arcais, direttore di Micromega – “perché non è solo un momento di testimonianza etica per la legalità. Perché il M5s ha dichiarato che ne farà una battaglia cruciale in parlamento, perché il capogruppo al Senato del Pd, Luigi Zanda, non solo ha firmato l’appello di Micromega ma ha regalato alla manifestazione, con un gesto simbolico il cui senso non può sfuggire a nessuno, 100 copie della Costituzione. Più saremo, e più forte sarà l’argine contro le tentazioni dell’inciucio”.

Il direttore di Micromega ha puntato anche l’indice contro un eventuale accordo Pd-Pdl: “Si tratta di una mobilitazione necessaria perché mefitici venti di inciucio ricominciano a spirare, in nome di una ‘responsabilità nazionale’ che finirebbe per gettare l’Italia nel baratro, visto che dovrebbe realizzarsi con un governo appoggiato congiuntamente da Pd e Pdl”.

Sul palco, costituito dal pianale di un camion, c’è Moni Ovadia che ha parlato di Berlusconi come “di un Re Sole che non è un avversario politico perché è pieno di privilegi”. Secondo Ovadia la presenza di Berlusconi in politica “è una patologia che si protrae da venti anni ma non per questo ciò significa che è meno grave”. A suo avviso, in questa situazione, “non c’è bisogno di un governo qualunque: da poco c’è stata l’esperienza di Mario Monti che ci ha portato dalla recessione alla depressione”.

Tra gli altri sono presenti Furio Colombo, Giuseppe Giulietti, il blogger viola Gianfranco Mascia che è tra gli organizzatori dell’iniziativa, Vincenzo Vita e Antonio Ingroia. Il leader di ‘Rivoluzione Civilè crede che da Piazza Santi Apostoli “si può iniziare a ripristinare la legalità, rimettendo la Costituzione in alto e non schiacciata sotto i piedi”. “Berlusconi – ha proseguito – è la strozzatura che impedisce la democrazia completa nel Paese”. Con riferimento alla battuta che lo stesso Berlusconi gli ha riservato dalla manifestazione di piazza del Popolo dove ha detto che Ingroia adesso che è stato trasferito ad Aosta farà inchieste sugli stambecchi, il magistrato ha replicato che l’ex premier “non si libererà così facilmente dalle inchieste della magistratura”.

  • Furio Colombo
  • Autore: G.Currado © Agrpress
  • Paolo Flores D’Arcais
  • Autore: G.Currado © Agrpress
  

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI