Caserta, il primo Parco Aerospaziale italiano

Caserta, il primo Parco Aerospaziale italiano
La città campana è pronta per ospitare il progetto che darà vita ad una riproduzione della Stazione Spaziale Internazionale.

Una vasta area sul territorio campano per sperimentare l’assenza di gravità in relazione ad esempio alla simulazione di un’astronauta o visitatore su Marte. Qualcosa che fino a poco tempo fa si poteva solo immaginare o vedere attraverso la televisione in relazione alle varie spedizioni nello spazio o sulla Luna.
Sono state pensate e presto verranno anche attuate altre strutture in grado di far vivere la brezza di una giornata “sollevati dal terreno”.
Dopo Francia e Stati Uniti, anche l’Italia si mette in mostra e lo fa a Caserta. Il capoluogo di provincia campano riprenderà il modello “Città dello Spazio” di Tolosa e “Kennedy Space Center Visitor Complex” di Orlando.
Sarà anche uno dei Parchi urbani più grandi al mondo, con una estensione pari a centomila metri quadrati e comprenderà delle aree verdi a disposizione dell’intera città.
Uno spazio importante se lo ritaglia non solo il Parco, ma anche il mondo del lavoro: previsti con questa macro realizzazione 1.000 posti di lavoro e circa 500mila presenze annue, che arriveranno da ogni parte del mondo per entrare e visitare una visione totalmente differente dalla realtà dei giorni odierni.
In primis il Parco sarà rappresentato dalla presenza di due macro-aree tematiche. La prima riservata all’Aeronautica e la seconda allo Spazio e all’Astrofisica. Verrà realizzato un lungo cammino: si rivivranno i tempi antichi attraverso i quali si passerà al presente per poi condurre i curiosi visitatori verso il futuro.
"L'obiettivo – afferma il Presidente del Distretto Tecnologico Aerospaziale della Campania, Luigi Carrino - è di realizzare una virtuosa fusione tra l'esigenza di tutelare la destinazione del Macrico, creando al contempo, in quell'area, uno dei più grandi Parchi Urbani al mondo con all'interno spazi di diffusione della cultura scientifica, e di dare anche un contributo, che potrebbe essere decisivo, alla ripartenza dell'economia del territorio".
Il progetto è stato presentato proprio dal Distretto Tecnologico Aerospaziale della Campania e dall’Unione degli Industriali di Caserta e si baserà sulla riqualificazione dell'area militare denominata ex "Macrico" (Magazzino centrale ricambi mezzi corazzati) della città di Caserta, oggi di proprietà dell'Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero.

Pubblicato in Attualità
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI