"Come l'acqua, l'aria ora la cultura": continua l'occupazione del Valle

Al grido di «Come l'acqua, l'aria ora la cultura» e «Riprendiamoci il Valle» continua, da martedì 14 giugno, l'occupazione del Teatro Valle, il secondo più importante teatro di Roma.

elio_germano_teatro_valle

Al grido di «Come l'acqua, l'aria ora la cultura» e «Riprendiamoci il Valle» continua, da martedì 14 giugno, l'occupazione del Teatro Valle, il secondo più importante teatro di Roma.

La contestazione, che nelle scorse settimane si era sostanziata in mobilitazioni e manifestazioni, adesso si è trasformata in un'occupazione vera e propria, volta a capovolgere le paventate sorti a cui sarebbe condannato il teatro dopo la soppressione dell’Eti (Ente teatrale italiano): la chiusura o la trasformazione dello stesso in un «bistrot».

L’occupazione, prevede anche spettacoli ed eventi per il pubblico a cui hanno partecipato e parteciperanno moltissimi personaggi della cultura e dello spettacolo, tutti firmatari dell'appello diramato dai lavoratori occupanti. Da Franca Valeri ad Andrea Camilleri, da Toni Servillo a Fabrizio Gifuni, passando per Elio Germano, che sta occupando insieme agli altri lavoratori.

Gli altri aderenti all'iniziativa sono, tra i più illustri, Emma Dante, Anna Bonaiuto, Claudio Santamaria, Ascanio Celestini, Sabina Guzzanti e Maya Sansa, tutti uniti per difendere la cultura e l'arte, minacciate da alcune politiche governative. Sul futuro del Teatro, però, si è espresso anche l'assessore del Comune alla cultura Dino Gasperini che, reduce da un incontro con i lavoratori organizzatori dell'occupazione, ha espresso la massima disponibilità ad impegnarsi per garantire la tutela dell’identità del Valle.

G. Currado

Foto G. Currado e G. De Maria

{{google}}

{jvslideshow}images/stories/gallerys/20110615_teatrovalle/{/jvslideshow}

Pubblicato in Attualità
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI