Convegno "Verso il codice antimafia"

Si è svolto a Roma, presso la  Sala delle Colonne della Camera dei deputati, il convegno 'Verso il codice antimafia', organizzato dalla Fondazione Rocco Chinnici, l'Università Luiss e il centro studi Quale Giustizia, con l'obiettivo di offrire un confronto tra le voci della politica, dell'università, della magistratura, delle associazioni che operano nel settore, e che si augurà potrà costituire un prezioso contributo al riordino della normativa antimafia.    

D.Ferranti_W.Veltroni_G.Chinnici_

 

Si è svolto a Roma, presso la  Sala delle Colonne della Camera dei deputati, il convegno 'Verso il codice antimafia', organizzato dalla Fondazione Rocco Chinnici, l'Università Luiss e il centro studi Quale Giustizia, con l'obiettivo di offrire un confronto tra le voci della politica, dell'università, della magistratura, delle associazioni che operano nel settore, e che si augurà potrà costituire un prezioso contributo al riordino della normativa antimafia. Sono intervenuti, tra gli altri, il presidente della commissione parlamentare Antimafia, Giuseppe Pisanu, il democratico Walter Veltroni, il presidente di Libera, Don Ciotti, il presidente di Confindustria Sicilia, Ivan Lo Bello e il responsabile giustizia del Pd, Andrea Orlando.

Lascia il segno la dichiarazione dell'on. Walter Veltroni, il quale, nel corso del suo intervento ha sostenuto che "la mafia non è quella che spara, è quella che detiene il potere finanziario. E' quella che finanzia la politica non solo quella del meridione. Guardando in faccia Riina e Provengano – sottolinea il deputato – non si può pensare che siano loro a far girare milioni di euro. I veri capi vanno trovati altrove, nella politica e nel mondo finanziario".

G. Currado - Agrpress.it

Foto M. Riccardi © Agrpress.it

{{google}}

CLICCA SULLE IMMAGINI PER VEDERE LA GALLERIA FOTOGRAFICA

  • Walter Veltroni
  • Autore: Maurizio Riccardi
  • Walter Veltroni
  • Autore: Maurizio Riccardi

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI