Costituzione, in migliaia a Roma contro il tentativo di riforma

Ha riempito piazza del Popolo la manifestazione per la difesa della Costituzione indetta contro il tentativo di riforma “accelerata” spinta dal presidente della Repubblica e la governo delle larghe intese

costituzione-via-maestra

Ha riempito piazza del Popolo la manifestazione per la difesa della Costituzione indetta contro il tentativo di riforma “accelerata” spinta dal presidente della Repubblica e la governo delle larghe intese. Decine di migliaia di persone hanno risposto all’appello lanciato dai costituzionalisti Rodotà, Gustavo Zagrebelsky e Lorenza Carlassarre, insieme a don Luigi Ciotti e al segretario nazionale della Fiom Maurizio Landini. La manifestazione è stata sostenuta anche da Il Fatto Quotidiano, e sul palco sono intervenuti Antonio Padellaro e Marco Travaglio.

La manifestazione è arrivata il giorno dopo una nuova esortazione del presidente della Repubblica a riformare la Costituzione, in modo “sapiente”.

Ad aprire la manifestazione, poco dopo le 14, lo striscione “La via maestra” e un camion con affissi gli articoli della Carta. Alla testa del corteo i promotori tra cui il segretario della Fiom Cgil, Maurizio Landini, e Stefano Rodotà. Il senso del corteo è “ritrovare la via maestra che è stata abbandonata”, ha spiegato Rodotà. Oltre alla forte presenza di Fiom e Cgil, nel corteo ha visto rappresentate le bandiere tutto l’arco della sinistra, da Sel a Rifondazione comunista, fino a Comunisti italiani e Sinistra anticapitalista. Molte le facce note dei movimenti dal Forum per l’Acqua pubblica ai movimenti per i diritti civili, fino a Legambiente ed Emergency.

  • Stefano Rodotà
  • Autore: Maurizio Riccardi © Agrpress
  • Costituzione - La via Maestra
  • Autore: Maurizio Riccardi © Agrpress

Pubblicato in Attualità