E' morto Peter Van Wood

Chitarrista e astrologo di successo, Peter Van Wood, morto oggi a 83 anni al Policlinico Gemelli di Roma, ha sempre mantenuto vive queste due grandi passioni, senza sacrificare l'una all'altra. Più che un astrologo si considerava "uno studioso della stupenda scienza delle stelle". Amava i suoi libri di astrologia alla quale si dedicò in pieno dagli anni Sessanta formulando oroscopi per giornali e riviste....

Peter Van Wood giovane - Foto Carlo RiccardiChitarrista e astrologo di successo, Peter Van Wood, morto oggi a 83 anni al Policlinico Gemelli di Roma, ha sempre mantenuto vive queste due grandi passioni, senza sacrificare l'una all'altra.

Più che un astrologo si considerava "uno studioso della stupenda scienza delle stelle". Amava i suoi libri di astrologia alla quale si dedicò in pieno dagli anni Sessanta formulando oroscopi per giornali e riviste. Le sue ultime previsioni per il 2010 indicavano, a livello mondiale, il continuare di disastri naturali, e in Italia l'arrivo di un anno, sotto certi punti di vista, sensazionale.
Aveva quattordici anni quando cominciò a suonare la chitarra. Studiava al conservatorio e ascoltava i grandi chitarristi jazz quando fece i primi passi in piccole formazioni in Olanda e all'estero e nel 1946 si esibi' al Palladium di Londra. E' stato uno dei primi ad usare la chitarra elettrica e gli effetti speciali con l'eco e il riverbero.

 

Peter Van Wood da giovane - Foto Carlo RiccardiCon Renato Carosone e Gegè Di Giacomo aveva formato un trio musicale di successo. Nel 1954 si era dato alla carriera di solista con canzoni che segnarono un'epoca come Butta la chiave, diventata celebre anche per il dialogo tra Van Wood e la sua chitarra che si immagina dia le risposte di una ragazza che non vuole farlo entrare in casa: "Gelsomina... Apri il portone... va bene, butta la chiave allora..." è l'incipit della canzone. E poi Via Montenapoleone, Tre numeri al lotto, Carolina e Capriccio.

Olandese, nato all'Aia nel 1927, amava molto l'Italia dove si stabili' nel 1949. A Milano apri' negli anni Sessanta un locale, l'Amsterdam 19, in Galleria Passarella, dove spesso si esibiva come cantante chitarrista. Nel 1982 ha inciso la sigla del programma televisivo La Domenica Sportiva.
 

In tv è tornato alla ribalta nel 1993 con la partecipazione alla trasmissione Quelli che il calcio, condotta da Fabio Fazio che sulla falsariga del suo cognome creò la squadra calcistica Atletico Van Goof. Nel 2007 ha fatto causa al gruppo inglese Coldplay che avrebbe plagiato in Clocks la sua canzone Caviar and Champagne.

Foto di Carlo Riccardi © Archivioriccardi.it - 2010

 

 

gallery

 

 

{{google}}

 

 

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI