Frecce Tricolori e Inno di Mameli, grande festa per il 65° della Repubblica

Con la deposizione della corona all'Altare del Milite Ignoto in piazza Venezia a Roma, sono cominciati i festeggiamenti del 2 Giugno, Festa della Repubblica che quest'anno compie 65 anni. Ma le celebrazioni assumono una valenza particolare perché cadono poi nell'anno del 150mo dell'Unità.

freccetricolori

Con la deposizione della corona all'Altare del Milite Ignoto in piazza Venezia a Roma, sono cominciati i festeggiamenti del 2 Giugno, Festa della Repubblica che quest'anno compie 65 anni. Ma le celebrazioni assumono una valenza particolare perché cadono poi nell'anno del 150mo dell'Unità. E l'inno di Mameli e poi le Frecce Tricolori hanno dato il via alla Festa con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che si è raccolto in un minuto di silenzio davanti al saccello che contiene la salma del Milite Ignoto.

Moltissimi gli applausi diretti al capo dello Stato appena giunto in piazza Venezia mentre qualche fischio ha accolto il premier Silvio Berlusconi anche lui all’altare della Patria con tutte le più alte cariche dello Stato.

La tradizionale parata militare del 2 giugno ha un eccezionale parterre di ospiti internazionali, a cominciare dal vicepresidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e dal presidente russo, Dmitry Medvedev, con i quali Silvio Berlusconi avrà un incontro trilaterale a Villa Doria Pamphili. Previsti colloqui anche con il segretario generale dell'Onu, Ban ki-Moon, il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, e il presidente afghano, Hamid Karzai.

 


 

{jvslideshow}images/stories/gallerys/20110602_parata/{/jvslideshow}

Foto di Monica Palermo ©

Pubblicato in Attualità
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI