G8 Donne: Appello ai media e richiamo a ruolo uomini

Nelle conclusioni della presidenza italiana del G8 alla conferenza internazionale sulla violenza contro le donne si rivolge un "appello ai mezzi di comunicazione e di informazione affinche' svolgano pienamente il loro ruolo centrale nel promuovere l'abbandono di stereotipi sociali degradanti e l'immagine della donna come protagonista ed artefice del progresso della comunita'".  

G8_delle_donne_02_-_Foto_M._Riccardi_-_Agrpress

 

(AGI) - Roma, 10 set. - Nelle conclusioni della presidenza italiana del G8 alla conferenza internazionale sulla violenza contro le donne si rivolge un "appello ai mezzi di comunicazione e di informazione affinche' svolgano pienamente il loro ruolo centrale nel promuovere l'abbandono di stereotipi sociali degradanti e l'immagine della donna come protagonista ed artefice del progresso della comunita'". Il documento richiama inoltre i media a "denunciare violenze e abusi anche quando essi vengono perpetrati, come purtroppo continua ad accadere, nell'ambito della famiglia".

Le conclusioni inoltre sottolineano quanto il ruolo degli uomini sia "essenziale" per raggiungere gli obiettivi di paritaria partecipazione allo sviluppo della societa' e ai meccanismi di governance, alla pari opportunita' per le donne di trasformarsi da vittime di violenza ad agenti di pace, di giustizia, di sviluppo economico e sociale. La richiesta di coinvolgimento degli uomini era stata avanzata piu' volte nel corso del dibattito di questi due giorni: tra gli altri l'hanno sollecitata le rappresentanti di Marocco, Mali, Afghanistan, Egitto, Sierra Leone, Etiopia. Ma e' stata fatta propria anche dal vicesegretario generale delle Nazioni Unite, Asha Rose Migiro. In conferenza stampa il ministro per le pari opportunita', Mara Carfagna, ha spiegato che l'obiettivo e' intanto di iniziare a coinvolgere gli uomini a livello istituzionale, ministri e uomini dello stato che "hanno potere di decidere sul destino delle comunita'". Ma l'intezione e' quella di "sensibilizzare soprattutto i giovani uomini": in questo senso va la Settimana contro la violenza promossa nelle scuole italiane insieme al ministero dell'istruzione.(AGI)

 

Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI