Gianfranco Fini racconta "Il ventennio" a Roma InConTra

Quarta puntata della nuova stagione di “Roma InContra – Ara Pacis” ricca di sorprese e novità.

roma-incontra-cisnetto-fini

Quarta puntata della nuova stagione di “Roma InContra – Ara Pacis” ricca di sorprese e novità. Gli ospiti che si sono avvicendati sul palco dell’Auditorium dell’Ara Pacis sono Gianfranco Fini, già presidente Camera Deputati e autore de “Il ventennio” (Rizzoli). Il leader storico della destra italiana ha analizzato la sua parabola politica dal 1992 quando Silvio Berlusconi dichiarò il suo appoggio alla candidatura di Fini a Sindaco di Roma, sino all’ormai storico “che fai mi cacci ?” che sancì la definitiva rottura con Cavaliere e l’inizio del declino della sua parabola politica culminata con la non rielezione in Parlamento.  Intervistato dal padrone di casa Enrico Cisnetto, Fini ha spiegato la sua visione della destra, repubblicana, europea, legalitaria e ha avvertito Angelino Alfano, che corre il rischio di essere la prossima vittima del “metodo Boffo”. “L’errore non è stato fondare il Pdl – ha dichiarato Fini – ma non capire che Berlusconi, per sua natura, avrebbe voluto impossessarsi del partito come se fosse una sua proprietà”.
Dopo di lui è stato il turno di Adriana Asti e Giorgio Ferrara. Lei, signora del teatro italiano, piacevolmente trasgressiva ed impegnata in scena con lo spettacolo “La voce umana - Il bell’indifferente”. Lui, regista poliedrico, che in passato ha diretto l’Istituto italiano di cultura di Parigi, da anni Direttore artistico de “Festival dei Due Mondi” di Spoleto. Con loro abbiamo ripercorso le fasi migliori del cinema italiano attraverso il racconto la carriera artistica della Asti, musa di registi importanti come Visconti, Bunuel, Pasolini, Bertolucci. “Oggi non so se accetterei di fare un film – ha dichiarato Adriana Asti – dipende dalla storia e dal regista, ce ne sono bravi in giro, ma quelli di una volta erano straordinari ”.
Infine la quarta puntata di quest’anno è stata chiusa dall’intervista di Enrico Cisnetto ad Antonio Aloisi, laureato modello, leader degli studenti Università Bocconi Milano e autore del blog “L’agente Mormora”. Con lui, che è stato il eletto rappresentante studentesco pur senza padrinaggi politici e che è stato il primo studente nella storia dell’ateneo ad aprire l’anno accademico con una relazione, abbiamo parlato di giovani, delle loro speranza, ambizioni, difficoltà. “Sogno un paese contendibile – ha dichiarato Aloisi – in cui chi è in gamba, chi merita, si piglia le cose, questo vale per le università, nel mondo del lavoro e anche in politica”.
Puntata ricchissima di spunti e contenuti di qualità, nel rispetto dello storico stile di InConTra improntato al “più talk meno show”

Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI