Gli archeologi italiani e l'archeologia del futuro

“L’archeologia che vogliamo. L’archeologia che faremo”, questo il titolo del III Congresso dell’Associazione Nazionale Archeologi che si è svolto sabato 16 marzo presso l’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte in Palazzo Venezia a Roma.

Barrano-cevola-la-regina-ana

“L’archeologia che vogliamo. L’archeologia che faremo”, questo il titolo del III Congresso dell’Associazione Nazionale Archeologi che si è svolto sabato 16 marzo presso l’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte in Palazzo Venezia a Roma.

Una partecipata tavola rotonda sulla professione di archeologo ha aperto i lavori del III Congresso ANA; al termine è stata consegnata la targa di “socio onorario ANA” al prof. Adriano La Regina, storico soprintendente di Roma e protagonista dell’archeologia italiana e della tutela del paesaggio urbano.

Oltre cento delegati, provenienti da 19 regioni italiane, hanno tracciato le linee programmatiche dell’Associazione per il prossimo triennio, ponendo con forza l’esigenza di un’archeologia sostenibile e fruibile al servizio del paesaggio e non sottomessa al trend dell’edilizia.

Per l’occasione sono stati totalmente rinnovati gli organi dell’Associazione.

Il nuovo presidente, eletto all’unanimità, è Salvo Barrano: 37 anni, archeologo professionista. Siciliano di nascita, vive e conduce scavi e ricerche a Roma da oltre dieci anni. E’ membro del Comitato Scientifico del Master di Archeologia Preventiva della Luiss Business School e dell’Associazione Internazionale di Archeologia Classica. Da anni si batte per l’affermazione dei lavoratori atipici e di quelli a partita IVA, tra cui sono numerosissimi gli archeologi e collabora attivamente con “Quinto Stato”, “Il nostro tempo è adesso”, “Associazione XX Maggio” ed è membro del direttivo del Colap (Coordinamento Libere Assoc. Professionali) e della Consulta delle Professioni della CGIL.

Eletti anche i vice presidenti Giuseppina Manca Di Mores e Walter Grossi e il nuovo direttivo composto da 39 membri.

"L'Associazione Nazionale Archeologi" ha salutato così il III Congresso ANA il neo eletto presidente, Salvo Barrano "con l' ottimismo e con l'impegno di sempre continuerà a perseguire il riconoscimento pubblico della professione, con l’inserimento dell’archeologo nel Codice dei Beni culturali e la ratifica da parte dell’Italia, dopo vent’anni, della Convenzione europea sulla protezione del patrimonio archeologico."

Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI