Il volto di Giorgio Di Ponzio sul murale di Jorit a Taranto

Il volto di Giorgio Di Ponzio sul murale di Jorit a Taranto
Ciro Cerullo, in arte Jorit, è nato a Napoli ed è uno street artist apprezzato a livello internazionale. Noto per le cicatrici che “vestono” i suoi volti, hanno scritto su di lui le più grandi testate giornalistiche.

I suoi lavori sono ospitati all'interno di prestigiose sedi espositive in Italia e all’estero e la sua attività artistica, che si connota per i forti messaggi di natura sociale, è divenuta materia di studi e trattati universitari.

Il 18 settembre si legge sul suo profilo fb:

«Immaginate un ragazzino di 15

Immaginate che si ammali di tumore

Immaginate che muoia

Immaginate che un tribunale accerti che sia morto, non per casualità o sfortuna,

ma perché avvelenato da una grande industria, colpevole due volte perché consapevole di farlo.

Ora immaginate che quel bambino sia vostro figlio…

Come vi sentireste?

Così è come si sentono dal 25 gennaio 2019, Carla e Angelo i genitori di Giorgio».

 

Jorit, ospite del progetto Trust - Taranto regeneration urban and street decide di lasciare il suo messaggio puntando su una figura emblematica per la città e per il Paese intero: Giorgio Di Ponzio, morto il 25 gennaio 2019, all’età di 15 anni, per un sarcoma ai tessuti molli.

«Eravamo increduli, poi ci siamo resi conto che era tutto vero», ha raccontato il papà di Giorgio. «Mia moglie ha partecipato ad un incontro con gli artisti ed aveva capito che c’era l’intenzione di ricordare nostro figlio, perché Jorit le aveva chiesto delle foto di Giorgio. È nato qualcosa di straordinario e siamo fieri che l’immagine di Giorgio diventi uno dei simboli artistici della città di Taranto. Da vittima dell’inquinamento a simbolo della speranza».

Secondo di tre figli maschi, Giorgio viveva a Taranto, anche se negli ultimi anni faceva la spola tra il policlinico di Bari e l’Istituto Tumori di Milano. La mamma Carla è sempre stata convinta che la causa della malattia del figlio fosse la diossina sprigionata dallo stabilimento siderurgico ILVA, che negli anni ha causato la morte di migliaia di vittime, anche giovanissime. «Questa nostra esperienza», - ha spiegato la mamma in una intervista ci ha fatto scoprire che nella zona in cui viviamo ci sono diverse inadempienze. Ci siamo convinti, quindi, che bisognava agire, dovevamo farlo per evitare altro dolore, per gli altri non potevamo stare in silenzio».

Dopo la morte del piccolo Giorgio, Taranto è insorta, con una fiaccolata organizzata dall’associazione dei “Genitori tarantini in memoria dei bimbi morti per il cancro e per le malattie connesse all'inquinamento, a cui hanno fatto seguito appelli allo Stato e alle autorità per far luce su questa tragedia collettiva.

I coniugi Di Ponzio hanno anche scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per chiedere che ai bambini di Taranto venga riconosciuta una medaglia al Merito che «riconosca il loro calvario e il loro sacrificio avverso alle ingiustizie sociali e ambientali subite».

Proprio perché «in quei reparti si diventa mamma di tutti i bambini», come ha raccontato la coraggiosa mamma Carla, insieme al marito Angelo ha dato vita all'Associazione Giorgio forever in uno stabile dato in comodato d’uso da un papà che in soli tre giorni aveva perso un bambino di leucemia. Punto di riferimento per altri genitori e realtà associative, il 15 giugno 2020, giorno in cui Giorgio avrebbe compiuto 17 anni, nasce la Fondazione Giorgio Di Ponzio che si occupa di ricerca oncologica pediatrica sulle patologie che riconoscono cause o concause ambientali.

Il sorriso di Giorgio continua a vivere. Raffigurato su un palazzo nel quartiere Tramontone di Taranto, la base riprende due articoli della Costituzione: il 32 e il 4, che tutelano la salute dei cittadini e riconoscono loro il diritto al lavoro.

L’opera di Jorit è stata accolta con grande emozione dai cittadini. Numerose le testimonianze di affetto e partecipazione.

L’artista, che in queste ultime settimane ha reso pubbliche le fasi di realizzazione del grande murale, uno dei più grandi mai realizzati, ha dipinto il volto sulla scritta: «Da Bagnoli a Firenze a Taranto. Insorgiamo. Basta ricatti. Vogliamo salute e lavoro. La nostra vita vale di più dei vostri profitti».

Perché Giorgio rappresenta un’emergenza locale e nazionale. Giorgio è parte di noi e per lui, anche per lui, la città di Taranto dovrà lottare e rinascere.

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI