Ingroia scioglie la riserva "Mi candido"

Antonio Ingroia ha sciolto la riserva per la candidatura in Parlamento. In una conferenza stampa ha presentato il simbolo che è dominato dal colore arancione e con il suo nome in forte evidenza al centro.

 natale-civile

Antonio Ingroia ha sciolto la riserva per la candidatura in Parlamento. In una conferenza stampa ha presentato il simbolo che è dominato dal colore arancione e con il suo nome in forte evidenza al centro. Nella parte sovrastante il simbolo c'e' la scritta rivoluzione civile mentre in basso ci sono le sagome in rosso di cittadini e lavoratori. Nessun simbolo dei partiti che supportano Ingroia compare nel logo.

"Conquisteremo Palazzo Chigi - ha detto Ingroia - e avremo milioni di consensi perche' vogliamo fare una rivoluzione pacifica dei cittadini, una rivoluzione civile".Al segretario del Partito democratico, ha aggiunto Ingroia, "ho fatto un appello" e "lui ha risposto in modo un po' stravagante, dicendo che non risponde ad appelli pubblici, ma mi auguro che Bersani sappia che l'avevo cercato personalmente, ma non ho ricevuto risposta, me ne farò una ragione. Evidentemente si sente un po' il padre eterno, Falcone e Borsellino quando li cercavo rispondevano subito". La porta per il Pd, ha voluto specificare ancora Ingroia, "rimane aperta".Quella che proponiamo è una "vera lista nuova, una vera lista civica". "Le nostre liste sono ancora un cantiere aperto alle parti più nobili della società civile". Così Antonio Ingroia, in conferenza stampa a Roma."Questa è la nostra rivoluzione, noi vogliamo la partecipazione dei cittadini. Antonio Ingroia non si propone come salvatore della patria, ma di essere solo un esempio come tanti cittadini che si mettono in gioco, assumendo rischi", "come dev'essere chiesto a ciascun cittadino" in momenti di emergenza. Così lo stesso Antonio Ingroia. Non siamo in un Paese normale, non siamo in una situazione normale, siamo in un'emergenza democratica dovuta allo strapotere dei sistemi criminali, dovuta alle insufficienze e alle inadeguatezza della politica". Allora, ha proseguito l'ex pm di Palermo, "è venuto il momento della responsabilità e non solo della responsabilità istituzionale, ma di quella politica".

Alla conferenza stampa non erano presenti i leader di Prc, Idv, Pdci che sostengono l'iniziativa politica. Tra i presenti c'erano invece Leoluca Orlando e Luigi De Magistris.

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI