La Fiom sfida Renzi in piazza a Roma

Maurizio Landini Maurizio Landini M. Riccardi © Agr
La Fiom scende in piazza sotto la guida del leader delle tute blu Cgil, Maurizio Landini, contro il Jobs act, per difendere il lavoro, i diritti, la democrazia.

La Fiom scende in piazza sotto la guida del leader delle tute blu Cgil, Maurizio Landini, contro il Jobs act, per difendere il lavoro, i diritti, la democrazia. Contro il governo Renzi e le sue politiche sbagliate, su questi punti con il sostegno della Cgil, presente con il numero uno Susanna Camusso: un esecutivo che sta facendo anche "peggio del governo Berlusconi", attacca lo stesso Landini dal palco di piazza del Popolo.
Da dove promette l'inizio di "una nuova primavera" del lavoro e dei diritti, lancia la sfida non solo all'esecutivo "padronale" ma anche alla Confindustria (la cui "ricetta", dice, non darà al Paese né ripresa né occupazione) e da dove rilancia la proposta della coalizione sociale: "Uniamo ciò che il Governo divide", mettendo insieme "associazioni, movimenti, persone". Quella necessità di unione, a partire da "tutti i lavoratori", che è nello slogan stesso scelto per la manifestazione 'Unions!'. Landini, chiudendo l'intervento dal palco, sostiene "un nuovo modello di sviluppo, una riforma democratica del sindacato, coinvolgendo altri soggetti e allargando la rappresentanza: è quello che dobbiamo fare, è la risposta più forte ad un Governo che ha già fatto la sua coalizione sociale con Confindustria e Bce".

Oltre a lavoratori, precari, studenti e altre categorie della Cgil, in piazza anche una parte del mondo politico in senso stretto: delle minoranze Pd ci sono Stefano Fassina, Pippo Civati, Barbara Pollastrini e c'è la presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi, che sceglie di stare in piazza in mezzo alla gente e che poi Landini ringrazia dal palco per la sua presenza "per la legalità". E poi c'è Sel al gran completo, a partire dal leader Nichi Vendola; tra gli altri, il magistrato ed ex leader di Rivoluzione civile Antonio Ingroia e il segretario nazionale di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero. Dal palco parla anche il costituzionalista Stefano Rodotà.

  • Stefano Rodotà a Maurizio Landini
  • Autore: Maurizio Riccardi © Agrpress
  • Stefano Rodotà a Maurizio Landini
  • Autore: Maurizio Riccardi © Agrpress

Pubblicato in Attualità
Maurizio Riccardi

Sito web: www.maurizioriccardi.it

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.
Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI