Legalizzazione cannabis, la proposta di legge raccoglie 218 firme in Parlamento

Legalizzazione cannabis, la proposta di legge raccoglie 218 firme in Parlamento
Una proposta di legge presentata dall’intergruppo parlamentare con a capo Benedetto Della Vedova, senatore eletto con Scelta Civica ad oggi con il Guppo Misto.

Un tema importante, a volte anche scottante, che forse arriva da una svolta decisiva: 218 firme raccolte in Parlamento per la legalizzazione della cannabis. A firmare ci sono esponenti di molti partiti come, PD, M5S, SEL e alcuni del Gruppo Misto.
Liberalizzare l’utilizzo della cannabis, con alcune disposizioni e divieti ben precisi che regolano appunto l’uso e l’abuso. La proposta contiene disposizioni in merito a quattro punti fondamentali: possesso, autocoltivazione, vendita e uso terapeutico, soprattutto quest’ultimo punto potrebbe portare a degli scenari nuovi e del tutto inediti nel campo della medicina e non solo.
Un ddl rivolto interamente ai maggiorenni, aprendo così la parte dell’uso e dei divieti: superati i 18 anni, i giovani o meglio maggiorenni potranno detenere una quantità per uso ricreativo, che nella fattispecie significherebbe 15 grammi a casa, e 5 portati fuori dalle mura domestiche.
Ovviamente ad un vantaggio per i maggiorenni corrisponde un divieto assoluto per i minorenni che non potranno farne uso fino alla maggiore età.
I quattro punti fondamentali citati in precedenza prevedono: una coltivazione di un massimo di 5 piante a casa e detenere il prodotto da esse estratto, previa una comunicazione all’agenzia dei Monopoli, ma la vendita sarà comunque vietata al 100%; sarà concessa una vendita al dettaglio, e cioè essa dovrà avvenire in dei punti, locali o negozi specifici, forniti di licenza dei Monopoli, con assenza assoluta di esportazione e importazione; terzo e importantissimo punto è quello dedicato all’autocoltivazione che andrebbe di pari passo con gli scopi ai fini terapeutici, con modalità di consegna, prescrizione e dispensazione dei farmaci. Un alto divieto che rimane un punto fermo e assolutamente in vigore è quello del fumo nei luoghi pubblici e alla guida.
Contrario alla proposta di legge, il segretario della Lega Nord Matteo Salvini. “Personalmente sono favorevole alla legalizzazione della prostituzione perché fino a prova contraria il sesso non fa male la cannabis sì”, ha detto Salvini. Pronta la replica di Della Vedova: “Mi chiedo se nel desiderio di Salvini di legalizzare la prostituzione ci sia anche la legalizzazione delle prostitute, che sono in maggioranza straniere, sfruttate e senza permesso di soggiorno. Nessuno dice che la cannabis fa bene. Ma abbiamo consumi molto più nocivi, alcol e tabacco in primis, che sono legalizzati e tassati, e il cui consumo viene dissuaso. E’ esattamente quello che pensiamo si debba fare per la cannabis. O Salvini vuole proibire anche alcol e tabacco?".

Pubblicato in Attualità
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI